News

Trento FilmFestival: oggi Corona e Lama, domani arriva Moro

David Lama sul Cerro Torre (Photo courtesy of www.facebook.com/DavidLama.official)
David Lama sul Cerro Torre (Photo courtesy of www.facebook.com/DavidLama.official)

TRENTO — Mauro Corona, ormai presenza fissa del Trento Film Festival, sarà protagonista questa sera di un evento sulla gente di montagna che ha vissuto guerre e tragedie. Tra i film in concorso spicca la pellicola riguardante David Lama e la sua impresa sul Cerro Torre. Domani appuntamento con l’alpinista Simone Moro per una conferenza sul valore della rinuncia.

É iniziata giovedì la 62esima edizione del Trento Film Festival e i grandi protagonisti della montagna si susseguono giorno dopo giorno. Quest’oggi è la volta di Mauro Corona, presenza costante nelle ultime edizioni della rassegna. Lo scrittore italiano non sarà però a Trento per promuovere un nuovo libro, ma per un evento sulla gente di montagna.

Nell’Auditorium Santa Chiara si terrà infatti “Mauro Corona in Le montagne d’Italia. Una testimonianza sui vinti e sui marginali”. I cinquant’anni del Vajont nel 2013, i cento dalla grande guerra nel 2014, i trenta di Stava nel 2015: battaglie, guerre e disastri visti dalla gente di montagna.

Per quanto riguarda il concorso cinematografico, spicca nella giornata di oggi la proiezione di “Cerro Torre – A snowball’s chance in hell” di Thomas Dirnhofer. Il film-documentario segue l’ascensione sulla prima salita in libera della via del Compressore da parte del climber austriaco David Lama, presente in sala per commentare personalmente l’impresa.

Domani sarà invece la volta di Simone Moro. L’alpinista italiano e il giornalista Sandro Filippini saranno protagonisti della serata “Il valore della rinuncia”. Basandosi sul tentativo fallito della prima invernale al Nanga Parbat di Moro, si discuterà della capacità di riconoscere e accettare i propri limiti.

Tags

Articoli correlati

Un commento

  1. Interessanti i temi trattati nei dibattiti.
    Altro che l’oscar a Sorrentino per quel suo film insulso, viva il cinema di montagna!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close