News

Alpi: aria inquinata, colpa della pianura

immagine

MILANO — Voto "zero" all’aria della Val d’Ossola. Ma le Orobie e l’Adamello non cantino vittoria, anche lì l’aria è inquinata, nonostante l’alta quota. La colpa? Tutta del traffico e delle industrie di Milano e della pianura padana, che disperdono i loro gas tossici verso le Alpi.

Questi sono i risultati dei rilievi effettuati quest’estate dalla Carovana delle Alpi di Legambiente, che ha misurato i livelli d’ozono – gas tossico prodotto dall’inquinamento, dannoso per animali e vegetali – in diverse località montane.
 
Le peggiori sono Alagna Valsesia (Vercelli) e Valgrande (Verbania), dove l’ozono nell’aria ha una concentrazione di ben 120 microgrammi per metro cubo. Aria cattiva anche a Sutrio (udine) e a Pontedilegno (Brescia), dove la concentrazione arriva a circa 101 microgrammi per metro cubo.
 
In Dolomiti, invece, l’aria è pura. La medaglia d’oro va a Cortina d’Ampezzo (Belluno), dove l’ozono ha una concentrazione che supera di poco i 50 microgrammi per metro cubo. Ma si respira bene anche a Moena (Trento), ad Ortisei e all’Alpe di Siusi (Bolzano).
 
"Purtroppo le valli alpine non hanno difese – ha commentato Damiano Di Simine, responsabile dell’Osservatorio Alpi di Legambiente -. Gli inquinanti si formano in pianura, sulle autostrade e dalle industrie, e poi si muovono a lunga distanza trasportati dalle correnti d’aria. L’unica cura è combattere l’inquinamento dove si genera e puntare, in primo luogo, alla lotta contro l’aumento del traffico stradale”.
 
La ricerca ha inoltre dimostrato che d’estate i livelli di inquinamento sono più elevati a causa
dell’irradiazione solare più intensa.
 
La Carovana delle Alpi è una campagna che Legambiente realizza ogni anno in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente per misurare lo stato di salute dell’ambiente alpino.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close