Cronaca

Pale di San Martino: muore alpinista

immagine

TRENTO — Un appiglio perso, un volo nel vuoto, un violento impatto contro la parete. Così è morto ieri sera un alpinista parmense che stava scalando, con la compagna, una via di quinto grado sulle Pale di San Martino.

L’uomo, 30 anni, sarebbe morto sul colpo. Si chiamava Davide Bernini ed era originario di Pilastro, in provincia di Parma. Nella caduta avrebbe trascinato per un tratto anche la compagna, che però se l’è cavata soltanto con delle ferite leggere.
 
I due alpinisti stavano scalando lo spigolo Solleder-Fonten sulla Cima Immink, nel gruppo delle Pale di San Martino. Erano circa le 17.30 pomeriggio inoltrato quando il Bernini, capocordata, avrebbe perso un appiglio precipitando nel vuoto.
 
I primi a soccorrere la coppia sono stati dei Vigili del Fuoco di Vicenza che avevano scalato la via qualche ora prima e che si stavano già avviando verso valle lungo la via normale.
 
"Le grida di aiuto della compagna del Bernini – ci ha raccontato Enrico Priante, che faceva parte del gruppo di vigili del fuoco – sono state udite dal mio compagno di cordata Alberto Perin mentre eravamo sul sentiero ai piedi della parete".
 
"Mentre lui avvertiva il Soccorso Alpino – prosegue il Priante -, l’altra cordata di Vigili del Fuoco di Vicenza che ci accompagnava (formata da Beppe Marchesini e Paolo Sartori) partiva immediatamente e risaliva per un canalone fino alla cresta cima Immink e da lì si calava a soccorrere e mettere in sicurezza la ragazza. Quindi hanno aspettato sul posto i soccorsi che sono stati sbarcati a metà via dall’elicottero di Trento".
 
"Fondamentale anche il contributo del gestore del rifugio Pradidali – racconta ancora il Priante -, che si è spostato sul sentiero ai piedi della parete ed ha seguito la vicenda fino all’epilogo, collegato via radio con elicottero e soccoritori in parete. Incomprensibile invece il comportamento di una guida alpina che, salita sulla stessa via, avrebbe sentito le grida d’aiuto ma avrebbe proseguito senza verificare l’incidente".
 
 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close