News

Asiago, si gira un film per Rigoni Stern

immagine

VENEZIA — A Mario Rigoni Stern, romanziere e regista che ha dato voce alle montagne di Asiago, è dedicato il lungometraggio che in questi giorni viene girato sull’Altopiano dei Sette comuni, in provincia di Vicenza, dove il celebre scrittore ha trascorso la sua vita.

In questo paesaggio, tra il verde spettacolo dell’ altipiano di Asiago, Mario Rigoni Stern ha trascorso la sua infanzia tra pastori e malghe. La sua famiglia viveva del commercio dei prodotti di montagna della comunità portati in valle. Ancora oggi lo scrittore vive tra queste montagne, dove ha ristabilito la sua residenza alla fine della Seconda Guerra mondiale.
 
E "Terra di un uomo", questo il titolo del film, parla proprio dello stretto rapporto tra lo scrittore e la montagna. L’altopiano di Asiago diventa un mondo unico, una verde pianura protetta da una folta cinta di pini che protegge una realtà in cui l’uomo può ancora dialogare con la natura.
 
Il romanzo più celebre di Rigoni Stern resta "Il sergente nella neve", ma l’importanza della sua terra natale è testimoniata in tutta la sua produzione artistica. Nucleo principale di molte sue opere, la montagna è protagonista nella sceneggiatura che ha scritto per il film di Ermanno Olmi "I recuperati", in cui si raccontano le vicende della gente comune sull’Altipiano dell’Asiago al termine della Prima Guerra mondiale. E ancora in altri due romanzi, "Il bosco degli Urogalli" nel 1962 e "Uomini, boschi e api" nel 1980.
 
Il film che si sta girando ad Asiago è una coproduzione italo-francese, prodotta da Shellac Sud di Marsiglia. Al progetto collabora anche Vicenza Film Commission, un’organizzazione no profit che è nata con lo scopo di valorizzare il patrimonio artistico e ambientale della provincia di Vicenza, anche tramite la produzione di film.
 
In questi giorni, infatti, grazie a questa organizzazione si sta girando un altro film a Bassano del Grappa, intitolato "L’amore che sai che io…", per la regia di Paolo Grassi, prodotto dalla Sherwood Film di Modena.
 
 
 
Candida Cereda

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close