• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Arrampicata sportiva, Primo Piano

El Capitan, climber disabile scala Zodiac

Vanessa François fotografata ai piedi di El Capitain con Marion Poitevin e Liv Sansoz (Photo courtesy of www.vanessafrancois.com)
Vanessa François fotografata ai piedi di El Capitain con Marion Poitevin e Liv Sansoz (Photo courtesy of www.vanessafrancois.com)

FRESNO, California — É arrivata sabato la notizia che la climber Vanessa François è riuscita a scalare la via Zodiac su El Capitan dopo quattro giorni e tre notti in parete. Per la rocciatrice di origine belga e il suo team la salita è stata resa difficoltosa dalla disabilità della 41enne, ma ancor di più dallo shutdown imposto dal governo statunitense.

Vanessa François è originaria del Belgio, ma vive da molti anni a Chamonix. Il trasferimento era stato fortemente voluto dalla donna perchè desiderava diventare una guida alpina. Purtroppo questo sogno si infranse nell’aprile 2010 sulla parete sud dell’Aiguille di Midi: la caduta di un blocco di ghiaccio ha infatti reso la François paraplegica.

Questo incidente non ha però spento la sua passione per la montagna che l’ha spinta ad avvicinarsi sempre di più all’arrampicata. Durante le varie scalate sulle pareti e le falesie francesi la climber decise di provare a realizzare un nuovo sogno: salire la via Zodiac sulla famosa big wall di El Capitan nella Yosemite Valley. Dopo oltre un anno e mezzo di allenamento, alla fine di settembre la François è partita per gli Stati Uniti con Liv Sansoz, campionessa del mondo di arrampicata, Marion Poitevin, componente del Groupe militaire de haute montagne, e Fabien Dugit, noto scalatore francese.

Il 30 settembre il gruppo è riuscito ad arrivare nella Yosemite Valley per scoprire che il parco è chiuso a causa dello Shutdown imposto dal governo statunitense. La François, sul suo sito, ha raccontato la grande delusione per questa situazione che le impedirebbe di realizzare la sua impresa. La donna ha proseguito nel racconto scrivendo che finalmente martedì 1° ottobre sono riusciti ad entrare nel parco e a raggiungere il Campo IV, dove uno dei ranger rimasti dà loro un po’ di speranza consigliando la massima discrezione se vogliono effettuare l’ascesa.

Il giorno successivo è impedito al gruppo di entrare nel parco e così la François ha concluso l’intervento sul suo sito scrivendo che attenderà con pazienza il momento propizio. Sabato 12 ottobre è comparso sul sito ufficiale la notizia che la climber e i suoi tre compagni sono arrivati sulla cima di El Cap. La via Zodiac ha richiesto quattro giorni e tre notti in parete in assoluta discrezione per timore di essere arrestati.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.