News

Montagne e cambiamenti climatici, edizione speciale del Calendario di Montagna.tv

Dentro la goccia una montagna (Brugola)
Dentro la goccia una montagna (Brugola)

BERGAMO — Aria inquinata, ritiro dei ghiacciai, frane, cambiamento del paesaggio e dei sentieri e siccità. I cambiamenti climatici incidono sulle montagne in modo netto e diretto, con pesanti ripercussioni tante volte visibili ad occhio nudo. Ve ne siete accorti andando in montagna? Vi è capitato di immortalare i “segni” del riscaldamento globale? Per i mesi estivi Montagna.tv lancia un’edizione speciale del Calendario: mandateci gli scatti che colgano aspetti simbolici o reali a testimonianza delle trasformazioni in corso nella alte quote. Perché? Continuate a seguirci, lo scoprirete nelle prossime settimane.

Le conseguenze del riscaldamento globale sono più che evidenti nei territori montani. Fusione dei ghiacciai, nubi di inquinamento in quota, frane e smottamenti, spostamento verso l’alto di specie di vegetazione e di animali, spopolamento di aree una volta abitate, cambiamento del paesaggio. Questi, potremmo dire, i segni più evidenti di quanto sta accadendo sulle montagne di tutto il mondo a causa del cambiamento climatico: una questione molto seria che esige più attenzione da parte delle istituzioni, sebbene ancora l’anno scorso alla Conferenza sul clima di Rio le Nazioni Unite abbiano sottolineato come l’ambiente montano sia un ecosistema fragile e di enorme importanza per gli equilibri planetari, pertanto da salvaguardare.

A questo tema dunque, con l’arrivo dell’estate e delle temperature più alte dell’anno, Montagna.tv ha deciso di dedicare una speciale edizione del suo storico Calendario. L’edizione speciale non sostituirà il tradizionale Calendario di Montagna.tv, che proseguirà normalmente il suo corso come tutti i mesi. Tuttavia apriremo una sezione separata dedicate alle foto che immortalano la montagna sotto l’effetto dei cambiamenti climatici.

Gli scatti possono essere di ogni tipo: realistici o fantasiosi, divertenti o poetici, dettagli o paesaggi. Il ghiaccio di una cascata che si scioglie, un torrente in secca, lo stambecco che sale sempre più in alto a cercare il cibo, il cielo terso di una giornata torrida. Oppure conseguenze dirette dei cambiamenti climatici che vi toccano da vicino andando in montagna: una pista da sci ormai chiusa perché non c’è più neve, o un sentiero deviato per via di una frana. Insomma fate vobis! L’iniziativa sarà in corso nei mesi di luglio, agosto e settembre.

Perché questa edizione speciale del Calendario di Montagna.tv? Ve lo sveleremo tra qualche settimana, continuate a seguirci e sotto con le foto!

Se volete mandarci le foto sui cambiamenti climatici mettere in oggetto alla mail “CALENDARIO EDIZIONE SPECIALE”, oppure cliccate qui.

 

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close