Ambiente

World Environment day, i bimbi del Khumbu "incontrano" il global warming

bimbi nepalTHAME, Nepal — Gioia, stupore e interesse. Questo si legge sui visi dei bimbi delle scuole della valle del Khumbu, che in occasione del World Environment Day dell’Unep, il 5 giugno, hanno ricevuto in dono uno speciale libro per fanciulli intitolato “What is global warming?” e hanno assistito ad una lezione speciale dedicata alle montagne e ai cambiamenti del clima. La presentazione itinerante è stata tenuta da Laxman Adhikari, supervisore tecnico-scientifico del Laboratorio Piramide, che ha spiegato le attività di ricerca su ambiente e clima promosse in Himalaya dal Comitato Evk2Cnr in collaborazione col NAST, in particolare il monitoraggio climatico svolto dal progetto Share.

“I bambini sono stati entusiasti del libro e della presentazione” ha commentato Laxman Adhikari, che ha iniziato il tour nelle scuole del Khumbu il 26 Maggio, per poi fare tappa a Thame per il Golden Jubilee Celebration della scuola e concludere il 5 giugno a Khumjung, circa 4000 metri di quota, sopra Namche Bazaar.

Si tratta del secondo anno consecutivo che EvK2Cnr promuove nelle scuole della valle del Khumbu degli incontri sull’ambiente in occasione della Giornata Mondiale indetta dall’Unep, riscuotendo enorme successo tra i bambini della valle. Il progetto è stato promosso dal Comitato Evk2Cnr nell’ambito del progetto Share, in collaborazione con l’UNEP e il NAST – Nepal Academy of Science and Technology.

Il libro “What is global warming?” di Antonello Provenzale, Eugenio Manghi e Annalisa Losacco è un libro per bambini che chiarisce le domande fondamentali sul cambiamento climatico: cos’è il clima, cosa sappiamo dei suoi cambiamenti e da che cosa sono provocati questi ultimi.

“Crediamo sia un’esperienza molto importante per i bambini – dichiarano Agostino Da Polenza, presidente Evk2Cnr, e Paolo Bonasoni, responsabile del progetto Share -, sia imparare a conoscere il clima, i suoi cambiamenti, gli effetti sugli esseri umani, sia conoscere le ricerche scientifiche in atto per comprendere questi meccanismi. La nostra speranza più grande è che un giorno questi studenti siano in grado di portare avanti questo lavoro e gli studi che abbiamo avviato tra queste montagne sull’ambiente e il cambiamento climatico”.

 

[nggallery id=696]

 

Tags

Articoli correlati

2 Commenti

  1. Biosgna cambiare modello economico. Quello della crescita infinita basata sul PIL ci ucciderà.
    Inoltre, riciclo, efficienza e utilizzo di energia pulita sono la soluzione per il futuro.

  2. Qui da noi ( Gorizia ) fa freddo … il caldo non è mai venuto e il freddo non si è mai mai prolungato per tanto tempo in 68 anni ( la mia età ). L’inverno è stato freddo e nevoso e la neve ha imbiancato di nuovo le Giulie pochi giorni fa. Speriamo che venga un po’ di caldo perchè ormai il solstizio è alle porte e le giornate incominceranno ad accorciarsi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close