• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
L'approfondimento, Libri

Il diario di Oggioni, dalle prime salite alla tragedia del Freney

Pilone centrale del Freney (Photo courtesy of www.goaway.it)
Pilone centrale del Freney (Photo courtesy of www.goaway.it)

BERGAMO — “Le mani sulla roccia” è il libro che raccoglie il diario delle esperienze alpinistiche di Andrea Oggioni dal 1948 al 1961, momento in cui scomparve tragicamente sul Monte Bianco. Oggioni era uno dei più forti alpinisti dell’epoca: in questo quaderno racconta la sua carriera, tra grandi difficoltà e grandi soddisfazioni.

Andrea Oggioni nacque nel 1930 a Villasanta, in provincia di Monza e si formò sulle pareti nel gruppo della Grigna prima di compiere vent’anni. Grande amico di Walter Bonatti, compì insieme a lui molte delle sue imprese sia sulle Alpi che nelle Ande, fino alla sua tragica ultima salita sul Monte Bianco.

Nel 1948 decise di iniziare a raccontare le esperienze che viveva sulle vette più importanti in un diario. Al termine delle sue avventure prendeva carta e penna e scriveva: scriveva delle sue salite sulle grandi vie di Cassin – spigolo Walker alle Grandes Jorasses, Nord-Est del Badile, Ovest di Lavaredo – della Nord del Roseg, o della Livanos-Gabriel, oppure ancora della spedizione nelle Ande.

Era proprio tornato da poco dal Perù, nel 1961, quando affrontò con Bonatti e Roberto Gallieni la grande sfida del Pilone centrale del Freney sul massiccio del Bianco. A quei tempi la parete di granito rosso era ancora inviolata e per questo molto ambita dagli scalatori di tutto il mondo. Il terzetto italiano si unì nella salita a 4 alpinisti francesi e insieme tentarono l’impresa.

Durante la salita il tempo a un certo punto cambiò. Dopo aver percorso più di metà del percorso rimasero bloccati in parete per quasi una settimana. Oggioni morì il 16 luglio stremato dalla fatica e dal freddo. Con lui perirono anche tre degli scalatori transalpini. Sono proprio gli scirtti dei sopravvissuti a quella tragedia che ci introducono nella vita dell’alpinista, aprendo la prefazione del libro.

 

 

Titolo: Le mani sulla roccia. Diario Alpinistico
Autore: Andrea Oggioni
Collana “I Licheni” n°105
Vivalda Editori, 2012
280 pagine + 16 tavole fuori testo b/n

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.