Turismo

Montagna: manca la neve, precipita il turismo

Madonna Di Campiglio (Photo courtesy vooila.com)
Madonna Di Campiglio (Photo courtesy vooila.com)

MILANO — “Una stagione da dimenticare, la peggiore degli ultimi dieci anni”. Così, secondo l’Osservatorio turistico della montagna, 6 operatori su 10 definiscono l’inverno appena trascorso. La mancanza di neve e la crisi economica hanno infatti provocato tagli alle spese dei consumatori, calo di presenze e vacanze più corte.

I dati, diffusi dall’Ansa nelle scorse ore, sono a dir poco preoccupanti. Quasi il 70 per cento degli albergatori di montagna ha chiuso la stagione con un calo do fatturato tra il 5 e il 15 per cento e 6 su 10 dichiarano che i clienti hanno speso molto meno degli anni scorsi per ristorazione, shopping e divertimento. Drasticamente ridotte le settimane bianche: il soggiorno medio è di poco superiore ai 2 giorni.

L’unica eccezione della Valle d’Aosta, che chiude in positivo grazie al buon innevamento favorito dalla posizione geografica e alla clientela, che conta molti stranieri e italiani di fascia medio-alta. I dati peggiori sono quelli del Piemonte (calo del 20-25%), e di Cortina (calo del 30%).

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Close
Back to top button
Close