AlpinismoAlta quota

Speedflyer verso la cima del Manaslu, tenterà la discesa in volo da campo 3

Manaslu
Manaslu

KATHMANDU, Nepal — Non è ancora finita la stagione alpinistica autunnale in Himalaya. Le ultime spedizioni rimaste al Manaslu, sono infatti in salita in queste ore per il loro tentativo di vetta. Tra gli altri, in marcia verso la cima insieme a due sherpa, c’è anche un neozelandese e un australiano, quest’ultimo uno speedflyer degli ottomila metri, che, se le condizioni lo permetteranno, tenterà la discesa in volo con la vela e gli sci da campo 3.

Il neozelandese Mal Haskins e l’australiano Ben West si sarebbero fermati ieri a campo 4 per concludere la salita questa mattina. I due, secondo quanto riferisce il sito della loro spedizione, hanno usato l’ossigeno per riposarsi prima del tentativo di vetta di questa mattina, anche per mantenere le forze per provare a spiccare il volo in speedfly dal campo 3.

Lo speedfly infatti, è la disciplina “estrema” che combina gli sci con una vela da parapendio di particolare dimensioni. Uno sport ancora poco diffuso, per molti già difficile da praticare sulle Alpi, che da alcuni anni sta facendo le sue prima comparse sugli ottomila.

“Il vento è un po’ calato ma sfortunatamente non a sufficienza per Mal Haskins da considerare la discesa in volo dalla cima del Manaslu – scrive il resto del team sul sito della spedizione -. Così lascerà i suoi sci e la vela indietro, sta valutando se aspettare il 13 ottobre per provare a volare da campo 3, dal momento che le previsioni prevedono un calo dei venti per quel giorno”. Il meteo dava notte di luna piena e cielo sereno, per oggi e domani, condizioni buone dunque per tentare la salita.

Secondo quanto riferisce la stessa spedizione di speedflyer, al campo base al momento ci sarebbero ancora 4 team, tutti in salita verso la vetta in queste ore.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close