News

Svizzera bacchettata: giù le mani dai lupi

immagine

BERNA, Svizzera — La  richiesta svizzera di poter ridurre le misure per la protezione dei lupi sul territorio è stata fermamente respinta, in Europa, dal Comitato Permanente della Convenzione di Berna. E il Wwf ha denunciato il consigliere che aveva ordinato di abbattere un lupo lo scorso 21 novembre.

Nei giorni scorsi la Svizzera aveva chiesto di emendare la Convenzione di Berna allo scopo di ridurre la protezione del lupo nella nazione elvetica e in tutti gli stati firmatari del Programma europeo Alpi. Ma è tornata a casa a mani vuote: la protezione dei lupi dovrà restare integrale su tutto l’arco alpino.
 
Alla luce di questa decisione, il Wwf svizzero ha deciso di presentare denuncia penale contro il consigliere di stato Jean Renè Fournier, che il 21 novembre scorso avrebbe autorizzato illegalmente l’abbattimento di un lupo nel Vallese.
 
Soddisfatta l’Italia, che nelle scorse settimane era scesa in campo per difendere questo animale con il Ministro Pecoraro Scanio, che aveva tuonato contro l’uccisione di lupi operata in Svizzera e Francia dichiarando:"Non permetteremo che i lupi facciano la stessa fine dell’orso fucilato in Baviera".

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close