News

Prostituzione, l’altra faccia del Tibet

19 ottobre 2005 – Pensi al Tibet e immagini il paradiso in terra. Un altopiano chiuso tra le montagne più alte del pianeta. Terra di gente semplice, del Dalai Lama, di monaci chiusi in meditazione e di nomadi liberi sui pascoli. Ma, a quanto pare, da un pò di tempo le cose sono cambiate.

Stando alle ultime notizie sembra che Lhasa (nella foto), sia invasa dai bordelli. Secondo l’associazione inglese "Free Tibet Campaign", nella sola capitale tibetana ci sarebbero oltre mille case d’appuntamento, e ancor di più nel resto dl Paese.

 

 I casi di aids, poi, sarebbero in netto aumento. La prostituzione è arrivata con l’invasione militare cinese. L’incremento turistico, poi, ha contribuito ad aumentare la domanda e di conseguenza l’offerta.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close