News

I Ragni invadono il parlamento

11 ottobre 2005 – Dopo la battaglia sulla legge elettorale, questa sera, alla Camera dei deputati, serata dedicata alla montagna, organizzata dal Gruppo parlamentari amici della montagna in collaborazione con il Gruppo Ragni del CAI Lecco. In programma la proiezione del film che racconta la storica avventura degli alpinisti lecchesi sulla vetta simbolo della Patagonia: il Cerro Torre. Fra storia tentativi ed impresa.

ctEra il 13 Gennaio 1974. Dopo due mesi di tentativi, quattro "ragni" di Lecco (Casimiro Ferrari, Daniele Chiapa, Mario Conti e Pino Negri) realizzano un sogno, al di là dell’Oceano. Un sogno fatto da 3.102 metri di granito e ghiaccio, che si innalzano verticali per più di due chilometri da terra. E che porta il nome di Cerro Torre, una guglia nel massiccio del Fitz Roy. Dai più, conosciuto come l’Urlo di Pietra.

 

Il Cerro Torre è considerato una delle montagne più difficili da scalare. Sono in pochissimi ad aver raggiunto la sua vetta. Per questo rappresenta uno dei più grandi successi dell’alpinismo italiano del mondo.

 

Questa sera, alla Sala delle Colonne, una serata in suo onore. Con un filmato storico, cronaca della grande avventura dei Ragni di Lecco sulla montagna più leggendaria della Patagonia. Che inizia con il primo lontano tentativo di Walter Bonatti e Carlo Mauri per arrivare alla conquista della parete Ovest nel 1974, passando attraverso la spedizione del 1970.

 

All’incontro parteciperanno tutti gli alpinisti che hanno concorso al successo del 1974. Oltre a loro, saranno presenti Alberto Pirovano (Presidente del Gruppo Ragni della Grignetta), il senatore Augusto Rollandin (Presidente del Gruppo Interparlamentare "Amici della Montagna"), l’alpinista Agostino Da Polenza, il deputato Antonio Rusconi, principale promoter dell’iniziativa, e un nutrito gruppo di parlamentari, amministratori ed esponenti del mondo economico e associativo lecchese.

 

 

Nell’immagine, il Cerro Torre (fonte: www.micheledallapalma.it)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close