News

Skipass: c’è chi scende, c’è chi sale

immagine

AOSTA — Sciatori, drizzate le antenne: i prezzi degli skipass lievitano in Valle d’Aosta e restano congelati in Lombardia. Ma i più costosi restano quelli del Trentino. Ecco i piani tariffari delle maggiori stazioni sciistiche italiane, che hanno appena ufficializzato la lista dei prezzi del prossimo inverno.

Le stazioni valdostane, dopo il blocco dei prezzi del 2005, hanno aumentato gli skipass di circa 2 euro ciascuna. A Cervinia, una giornata sulle piste (italiane) costerà 34 euro contro i 32 dell’anno scorso, a Curmayeur 39,50 invece di 37. A Pila e a La Thuile l’aumento sarà di un euro: in queste due località, una giornata sulla neve nella stagione 2006-2007 costerà rispettivamente 30 o 33 euro.

 
La Lombardia risponde congelando i prezzi, per la felicità delle tasche degli sciatori. Sia a Livigno che in Valle Spluga, a Madesimo e Campodolcino, gli skipass costeranno esattamente come l’anno scorso.
 
Livigno propone skipass giornalieri a 33 euro in alta stagione e 30 in bassa stagione, con stagionali al prezzo di 515 euro. Inoltre, il comprensorio sconterà i giornalieri del sabato e prolungherà le tariffe di bassa stagione, offrendo numerose promozioni alle famiglie e ai bambini.
Sciare a Madesimo sarà anche più conveniente, con giornalieri al prezzo di 31 euro nei giorni festivi, 27 nei giorni feriali e stagionali a 510 euro. Il comprensorio della Valle Spluga ha attivato anche una promozione per gli studenti, che pagheranno solo 23 euro presentando alla cassa la propria tessera universitaria.
I prezzi più alti si trovano in Trentino Alto Adige. Nella zona gestita da Skirama Dolomiti Adamello-Brenta, che comprende le località di Madonna di Campiglio e Pinzolo in Val Rendena, Folgarida-Marilleva, Pejo e Passo del Tonale in Val di Sole, Ponte di Legno, Monte Bondone, Andalo-Fai della Paganella, Folgaria Lavarone, un giornaliero sulle piste costerà 37 euro in alta stagione e 34 in bassa stagione.
 
Nel comprensorio Dolomiti Superski (che comprende le 12 stazioni sciistiche di Cortina d’Ampezzo, Plan de Corones, Alta Badia, Val Gardena/Alpe di Siusi, Val di Fassa/Carezza, Arabba/Marmolada, Alta Punteria, Val di Fiemme/Obereggen, San Martino di Castrozza/Passo Rolle, Valle Isarco, Tre Valli – Moena/P.sso S. Pellegrino/Falcade, Civetta) lo skipass giornaliero costerà dai 32 ai 40 euro a seconda del periodo. Lo stagionale, invece, costerà 630 euro, con uno sconto di 60 euro se acquistato in prevendita fino all’antivigilia di Natale.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close