Rifugi

Rifugio capanna Regina Margherita

Il Rifugio capanna Regina Margherita è un edificio a tre piani in legno con rivestimento in lamiera ubicato sulla Punta Gnifetti, nel cuore del massiccio, affacciato nel vuoto del versante meridionale del Monte Rosa. Con i suoi 4554 m si tratta del rifugio alpino più elevato d’Europa, con un panorama che abbraccia gran parte delle Alpi Occidentali e Centrali, sede anche di un osservatorio fisico-meteorologico per la Regione Piemonte e laboratorio convenzionato con l’Università di Torino.

Accesso

Vi si accede dal rifugio Gnifetti o dal Città di Mantova passando dal Colle del Lys (4/5 h, A), o dalla Monte Rosa Hütte lungo il Grenzgletscher (5 h, A).

Viene solitamente raggiunto quale meta, ma si utilizza anche per le ascensioni più impegnative alle cime del Gruppo del Monte Rosa. Sono possibili le traversate ai rifugi Gnifetti, Quintino Sella e Monte Rosa Hütte.

Curiosità

Era il 1889 quando l’Assemblea dei delegati del Cai stabilì di costruire un rifugio sul Rosa a oltre 4500 metri per “consentire ad alpinisti e scienziati maggior agio ai loro intenti in un ricovero elevatissimo”. La capanna, predisposta a valle, fu trasportata con i muli, poi a spalla, e montata sulla vetta. L’inaugurazione avvenne il 4 settembre del 1893, pochi giorni dopo il pernottamento della regina cui il rifugio è dedicato. Non solo rifugio, ma anche laboratorio per le ricerche di Angelo Mosso sulla medicina d’alta quota agli inizi del XX secolo. Attività che, visti gli spazi esigui presenti alla capanna, vennero poi spostate presso l’Istituto Mosso, inaugurato il 27 agosto 1907 poco sotto il passo dei Salati, a 2900 metri.

Nel 1977 la vecchia capanna, ormai vetusta, venne smantellata e nel 1980, dopo un anno di lavori, venne inaugurata l’attuale struttura.

Informazioni

Proprietà: Cai centrale
Contatti: Tel. 3481415490; www.rifugimonterosa.it
Periodo di apertura: dal 20 giugno a metà settembre (le date sono soggette a modifica)
Numero posti: 70 (10 locale invernale)

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Close
Back to top button
Close