Film

Quattro commedie per un Natale in montagna

Non è Natale senza commedie ambientate sulla neve o tra le montagne. Pellicole in grado di strapparci un sorriso, di farci viaggiare in quota con la mente e perché no, di farci guardare oltre, fantasticando in anticipo sulle vacanze natalizie del prossimo anno. Mettetevi comodi perché abbiamo selezionato per voi 4 commedie da vedere tutte d’un fiato.

Viaggio in Groenlandia

“Viaggio in Groenlandia” (Francia, 2016, 98′) è una commedia diretta da Sébastien Betbeder, disponibile su Netflix.

Il film narra le vicende di una coppia di amici che si dirigono verso un villaggio ai confini del mondo con l’intenzione d’incontrare qualcuno di molto importante. Thomas e Thomas sono due attori di Parigi trentenni e squattrinati che stanno vivendo un periodo piuttosto complicato. Determinati a dare una scossa alla loro vita, decidono di intraprendere una fantastica avventura recandosi nel remoto insediamento di Kullorsuaq, in Groenlandia, per fare visita a Nathan, il padre di uno dei due. Dopo essere giunti nella piccola comunità inuit, che conta poco più di 400 anime, si allontaneranno giorno dopo giorno dagli schemi appartenenti alla loro vecchia vita di città e, mentre scopriranno le gioie delle tradizioni locali e instaureranno nuovi legami, compiranno un interessante percorso di crescita e maturazione che finirà per mettere alla prova la loro amicizia.

Vacanze di Natale

“Vacanze di Natale” (Italia, 1983, 1h 37′). “Ivana, fai ballare l’occhio sul tic! Via della Spiga-Hotel Cristallo di Cortina: 2 ore, 54 minuti e 27 secondi. Alboreto is nothing“. Citazione diventata iconica e che ancora oggi rende il cinepanettone del 1983 la commedia natalizia ambientata in montagna per antonomasia. Diretto da Carlo Vanzina, con Jerry Calà, Claudio Amendola e Stefania Sandrelli.

Le vacanze di Natale sono appena cominciate, ed un lussuoso albergo di Cortina si popola di turisti. E’ un’umanità variamente composta: c’è l’industriale del nord, sicuro di sé e disinvolto che mentre trascura la moglie cerca di convincerla che non la potrebbe trattare meglio; c’è la ricca coppia borghese, senza figli, dove i due coniugi si tradiscono allegramente e senza scrupoli; e poi la ricca famiglia romana, piena di sé, ed infine la classica famiglia di “arricchiti” alla quale il capofamiglia, macellaio, ha regalato la “supervacanza”.

Storie che si intrecciano in narrazione che è la fotografia stereotipata dei vizi dell’Italia vacanziera degli anni Ottanta.

A spasso nel bosco

“A spasso nel bosco” (USA, 2015, 103′) è un film di avventura, border line tra commedia e genere drammatico,  diretto da Ken Kwapis, con Robert Redford e Nick Nolte. Disponibile su Prime Video.

La pellicola racconta la vera storia di Bill Bryson, anziano giornalista e scrittore che, a un certo punto della sua vita, vuole imbarcarsi in un’impresa coraggiosa. L’idea è quella di organizzare una escursione sul Sentiero degli Appalachi, nella parte orientale dell’America del Nord. Il percorso è lungo oltre tremila chilometri. Sua moglie Catherine non è affatto d’accordo con la scelta del marito perché ha paura che non possa farcela o che, peggio, possa accadergli qualcosa di brutto durante il tragitto. A Bill non resta dunque che cercare qualcuno che possa accompagnarlo in questa esperienza estrema. L’unico che si offre di partecipare alla lunga traversata è Stephen Katz, un caro amico che non incontra da anni. Con lui Bill aveva fatto già un altro viaggio in gioventù, assolutamente avventuroso: erano stati in Europa quasi quarant’anni prima. I due decidono quindi di partire insieme alla volta di un’esperienza che li toccherà nel profondo e che gli farà vivere numerosi imprevisti offerti dalla spontaneità della natura. Torneranno a casa diversi dopo questa impresa?

Ascensione

“Ascensione” (Francia, 2017, 103′), diretto da Ludovic Bernard, è una pellicola dati toni sentimentali. Disponibile su Netflix.

Il film racconta dell’incredibile gesto compiuto da un ragazzo per conquistare la donna dei suoi sogni. Samy Diakhaté è un giovane franco-senegalese innamorato sin dai tempi della scuola di Nadia, che lavora nel supermercato del quartiere la quale, però, non sembra ricambiare il suo amore. Un giorno, tra lo scherzo e la serietà Samy propone a Nadia una sfida; un’occasione con lei nel caso in cui lui fosse riuscito a scalare una delle vette più alte e impervie del mondo: l’Everest. Convinta che si trattasse di una frase senza fondamento detta solo per scherzare, Nadia accetta. Non sa però che la tenacia e la perseveranza di Samy lo porteranno (nonostante sia completamente digiuno di alpinismo) a imbarcarsi sul serio in quell’impresa a dir poco temeraria verso l’Himalaya. Riuscirà non solo a trovare compagni di viaggio pronti a supportarlo fino alla fine, ma anche uno sponsor e una copertura radiofonica integrale che terrà tutta la Francia col fiato sospeso, trasformando la sua storia in un vero e proprio caso mediatico.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close