News

Le Ande e il Sud America protagonisti a Superquark

Questa sera, alle ore 21.25 su Rai 1, Piero Angela e il suo intramontabile “Superquark” accompagneranno gli spettatori in un viaggio lungo la cordigliera delle Ande.

Ad aprire la terza puntata della nuova stagione estiva di uno dei programmi di scienza, natura, storia e tecnologia tra i più amati d’Italia, sarà infatti il documentario naturalistico della BBC della serie “Sette continenti, un Pianeta”, dedicato al Sud America. Il continente più ricco di specie animali della Terra.

Dalle Ande il viaggio virtuale proseguirà tra i deserti, le foreste e le coste del Sud America. Sulle vette andine le telecamere inseguiranno un puma, impegnato nella difficile impresa di abbattere la sua enorme preda. Nella foresta pluviale più vasta del mondo, l’Amazzonia, si andrà alla scoperta degli animali nascosti tra le fronde degli alberi. Animali curiosi, come le rane frecce, la cui pelle è cosparsa da uno strato di veleno altamente tossico. E ancora anaconde giganti, pesci che nuotano in acque turchesi e uccelli dai piumaggi variopinti. Sulle coste non mancheranno gli incontri con pinguini, leoni marini e orsi.

Dalle Ande alle saline di Trapani con Aberto Angela

Dopo aver viaggiato tra le vette e gli ecosistemi del Sud America, “Superquark” proseguirà con un tour, in compagnia di Alberto Angela, alla scoperta delle Saline di Trapani e Paceco. Importante fonte dell’oro bianco dell’antichità, così prezioso da essere distribuito dai Romani ai soldati come paga aggiuntiva. Da cui il termine “salario”. Il viaggio proseguirà nell’antica salina Chiusicella, dove è ancora attivo il sistema di estrazione e di raccolta del sale tradizionale.

Dai pipistrelli alle meteoriti

Le tematiche affrontate saranno molteplici. Dalla demografia mondiale all’innovazione. Dai pipistrelli, animali straordinari, che potrebbero persino insegnarci come combattere i virus, ai cebi, le piccole scimmie sudamericane. La puntata si chiuderà con uno sguardo al cielo, alla ricerca delle meteoriti.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close