Itinerari

Le Bocchette Centrali – Itinerario Dolomiti del Brenta

Tra le molte possibilità di itinerari attrezzati che hanno reso celebre il Brenta, la via delle Bocchette Centrali è il percorso più suggestivo e si svolge nel tratto centrale del massiccio, ai piedi delle cime più famose e celebrate. Senza un’adeguata esperienza, è d’obbligo rivolgersi a una guida alpina.

Itinerario

Dal rifugio si sale in breve alla Bocca di Brenta (2552 m), dove ha inizio la via attrezzata: poco sotto l’intaglio, con una scala si guadagna una cengia che aggira a ovest la Cima Brenta Alta (2960 m), poi il versante nord (molto esposto) fino alla Bocchetta del Campanile Basso (2620 m), la stretta forcella che separa la Brenta Alta dal mitico Campanile Basso (2883 m).

Si sale su terreno instabile e per un piccolo nevaio lungo il versante orientale del Campanile Basso, quindi si costeggia il Campanile Alto (2937 m), si transita dall’omonima bocchetta (2680 m) e si arriva al pianoro della Sentinella.

Per cengia si giunge alla bocchetta Bassa degli Sfulmini, poi in ambiente spettacolare si percorre l’evidente e strettissima cengia, con massima esposizione ma ben attrezzata, tagliando le ripide pareti orientali degli Sfulmini.

Si risale un canalone e si perviene alla Bocchetta Alta degli Sfulmini, quindi si aggira a sudest, poi a est, la Torre di Brenta (3014 m), sbucando poco sopra la Bocca degli Armi (2749 m), che si raggiunge con alcune scalette. Si mette piede sulla Vedretta degli Sfulmini e in discesa si cala sul rifugio Alimonta.


Le Bocchette centrali itinerario BrentaPartenza: rifugio Pedrotti-Tosa (2491 m)

Arrivo: rifugio Alimonta (2580 m)

Dislivello: 500 m

Durata: 3 h e 30 min

Difficoltà: escursionisti esperti con attrezzatura

 

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close