• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cronaca, Top News

Monte Bianco. Alpinista sale con un vogatore e lo abbandona a 4000 metri

Imprese in quota a scopo benefico. Si tratta ormai di iniziative che si moltiplicano mese dopo mese, ognuna caratterizzata da un pizzico di fantasia che la renda unica. A volte un po’ troppo. È il caso di un ex membro dei Royal marines britannici che la scorsa settimana ha deciso di portare sul Monte Bianco il suo vogatore.

L’attrezzo utilizzato generalmente per l’allenamento cardio, si è però rivelato troppo pesante. 26 chili a quota 4.000 si fanno sentire, e così l’ex militare Matthew Disney ha deciso di abbandonarlo al bivacco capanna Vallot (4.362 m), ai piedi della dorsale dei Boss. La struttura è di pertinenza del Comune francese di Saint-Gervais-les-Bains, il cui sindaco non ha di certo espresso gioia nei confronti della scelta del fantasioso alpinista.

Una lettera polemica al Presidente Macron

Pur comprendendo lo scopo benefico dell’iniziativa, progettata a supporto di due associazioni di militari, il sindaco Jean-Marc Peillex ha scritto direttamente al Presidente della Repubblica francese Emmanuel Macron. La sua richiesta è di introdurre un regolamento che consenta di sanzionare in maniera severa ogni stravaganza in voga sul Monte Bianco, e riportare così la pace sulla montagna.

“So che ha del coraggio, sta a lei decidere”, si legge nella lettera inviata al Presidente.

Il costo del trasporto a valle dell’attrezzo ammonterebbe a circa 1.800 euro. La fattura, come dichiarato da Peillex, sarà inviata direttamente all’ambasciata britannica.

Perché un vogatore in cima al Monte Bianco?

Una domanda che sorge spontanea è cosa avesse intenzione di fare Disney con un vogatore in vetta al Bianco. Semplice: fare un po’ di allenamento. Una impresa che gli è già riuscita su tre vette britanniche. Niente a che vedere però con i 4.810 m del Monte Bianco.

L’attrezzo si è rivelato alla fine un semplice peso e l’impresa caridio in alta quota è diventata una prova di resistenza fisica. Un caso che ricorda il trasporto a spalla fino in vetta al Kilimangiaro di una lavatrice da parte di Enda O’Doherty, insegnante irlandese di geografia. Anche in quell’estate 2017 la finalità di una simile stravagante iniziativa era di carattere benefico.

La lunga lotta del sindaco Peillex contro le stravaganze

La lettera inviata dal sindaco di Saint-Gervais al Presidente francese Macron è solo l’ultima delle sue battaglie, condotte da anni per combattere eccessi e stravaganze sul Monte Bianco. È grazie alla tenacia di Peillex se è stato introdotto l’obbligo di prenotazione in rifugio per poter raggiungere la vetta attraverso la via normale francese del Gouter, così da limitare i problemi di sovraffollamento.

Sempre lui ad aver dovuto affrontare, esattamente un anno fa, il gruppo di alpinisti lettoni incamminatosi verso la cima del Bianco con un pennone di 5 metri che avrebbe dovuto sorreggere una bandiera di 10 m, per festeggiare i 100 anni dell’indipendenza della Lettonia. La particolare iniziativa era stata bloccata su richiesta del sindaco a 3.200 m dalla gendarmeria e il materiale posto sotto sequestro.

Un uomo che denota grande pazienza Jean-Marc. Basti pensare che nella stessa giornata in cui Disney portava il suo vogatore in cima, un alpinista tedesco poneva a rischio la vita di un cane San Bernardo. L’animale sarebbe stato condotto in cima e, forse perché restio a scendere, abbandonato in quota. Sarebbe disceso da solo all’indomani verso il rifugio Tête Rousse, con le zampe insanguinate.

Il video di Matthew Disney con il vogatore al Tête Rousse

Articolo precedenteArticolo successivo

12 Comments

  1. I vogatori idraulici sono silenziosissimi, altri a ventole ed ingranaggi con magneti e pulegge producono un sibilo adatto a locali isolati.Uno stepper isdraulico sarebe utile anche in rifugio, pesa meno, sta sotto una brandina.Si puo’prestare a vari esercizi di gambe e pure, premendolo con bastoni, di braccia.Buone anche le morse a molle da mano d’acciaio.Utili in rifugio per tenere caldi e calmi gli alpinisti in attesa di buon tempo.

  2. Da sempre contrario alle iniziative del sindaco di chamonix, stavolta non posso che dargli ragione… ma dove siamo finiti?

  3. Sono sempre convinto che la beneficenza si faccia in altri modi, per cortesia, non chiamatelo alpinista però.

    P.S.: La fattura va mandata a lui non all’ambasciata britannica.

  4. Quando sono stato al Cho Oyu ho portato in spalla una zaino dello stesso peso fino a 7200 mt del campo 2, non ho abbandonato nulla e non ho fatto tutta sta scena!! A inglesino tornatene con la tua monnezza e vai a vogare in garage

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.