• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Primo Piano, Rifugi ed Alberghi

Rifugio di Punta Penia sulla Marmolada danneggiato dalla tempesta Vaia. Ancora inaccessibile per la neve ma a giugno si riparte

marmolada, punta penia, carlo budel, rifugio dal plaz, tempesta vaiaDrugo all’ingresso del bivacco del Rifugio Dal Plaz pieno di neve – Foto FB @Carlo Budel

Carlo Budel, classe 1973, è uno dei rifugisti più noti sulle Alpi, soprattutto sul web. Al timone dallo scorso anno del rifugio Punta Penia, il più alto delle Dolomiti a 3.343 metri di quota, è diventato celebre sui social la scorsa estate quando lassù ha trascorso tre mesi, condividendo le sue esperienze giornaliere con i follower in crescita di giorno in giorno sul suo account, tanto da consacrarlo a “Re della Marmolada”.

L’estate si avvicina e il pensiero di tornare lassù, sulla vetta della Marmolada, in quel rifugio che è un punto di arrivo perché più su non si può andare, è già più che vivo. Ma prima di giugno bisognerà tornare al Punta Penia per risolvere un problema. La tempesta Vaia dello scorso ottobre ha infatti causato non pochi danni alla struttura, a causa delle raffiche di vento oltre i 200 chilometri orari.

Un primo sopralluogo era stato effettuato con un sorvolo in elicottero lo scorso mese insieme a Aurelio Soraruf, ex proprietario della struttura dal 1993, che lo scorso anno ha proposto a Budel, che con lui ha lavorato per 20 anni, di prenderla in gestione. Ben evidenti, come danni preminenti, le finestre sfondate e la gabbia parafulmini schiodata.

Appena le condizioni meteo lo consentiranno sarà necessario salire armati di trapano e sistemare la gabbia, così come installare nuovi doppi vetri alle finestre.

Carlo non si perde d’animo e conferma che all’apertura degli impianti del Passo Fedaia-Pian dei Fiacconi saranno belli che pronti, sia lui che il rifugio.

Qualche giorno fa è  intanto salito fino al Rifugio Giorgio Del Piaz, a 1.993 metri, con i suoi amici a quattro zampe Drugo e Paris, mostrando in un video pubblicato su Instagram, lo spesso manto nevoso presente nella zona del bivacco, addirittura entrata all’interno della struttura.

Una neve che, come dichiarato da Carlo, è un bene in quanto riempirà i crepacci e sarà importante per mettere in sicurezza il tragitto fino a Punta Penia, al momento totalmente inaccessibile.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Buon giorno dal Rif.dal piaz…vette feltrine💚💙💜#dolomites #dolomiti #dolomitiamo #montagne #mountain #montagna #belluno

Un post condiviso da Carlo Budel (@carlobudel) in data:

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.