News

Frattini e Tremonti visitano il Cimone

immagine

SESTOLA, Modena — Una gara di slalom, una tavola rotonda sulla montagna e una visita al laboratorio Ottavio Vittori in vetta al Cimone, dove sorge una delle stazioni di monitoraggio climatico del progetto Share, promosso dal Comitato EvK2Cnr. Ecco il programma del weekend sulla neve dei parlamentari italiani, che sabato e domenica si ritroveranno sull’Appennino per il loro primo “Criterium sulla neve”. Presenti, fra gli altri, i ministri Franco Frattini e Giulio Tremonti.

La visita al laboratorio “Ottavio Vittori” dell’Istituto di Scienze dell’Atmosfera e del Clima del Cnr, dove sorge una stazione di monitoraggio Share del tutto simile a quella installata ad oltre cinquemila metri di quota, presso il Laboratorio-Osservatorio Piramide dell’Everest, sarà nel pomeriggio di sabato 30 gennaio. 

Subito dopo la gara di slalom che vedrà sfidarsi i parlamentari sulle nevi del comprensorio appenninico, i parlamentari saliranno sui 2.165 metri della vetta del cimone, la più elevata dell’Appennino settentrionale, con un trenino interno alla montagna gestito dall’Areonautica Militare. L’Aeronautica, sul Cimone, ospita il C.A.M.M. (Centro Aeronautica Militare di Montagna) con le sue strutture di ricerca sul clima e gestisce un osservatorio meteorologico dal lontano 1937, un laboratorio di telecomunicazioni, e diversi ponti radio.

Il Cimone, dove si raccolgono dati relativi all’atmosfera dell’Europa meridionale ed del bacino nord-Mediterraneo,  rappresenta uno dei centri più importanti, a livello europeo, per lo studio della meteorologia e della climatologia ed è anche uno dei balconi più belli, sull’Appennino, con la sua visuale a 360 gradi.

Share (Stations at High Altitude for research on Environment), il noto progetto di monitoraggio climatico del Comitato EvK2Cnr che comprende una rete mondiale di osservatori per il monitoraggio climatico e ambientale in collaborazione con Unep, Wmo, Nasa, Esa e Iucn, è supportata a livello internazionale dal Ministero degli affari Esteri e da quello dell’Ambiente.

La rete Share è già diffusa su 3 continenti – Asia, Africa, Europa – e conta al momento 12 stazioni d’alta quota che forniscono dati atmosferici in tempo reale in Nepal, Pakistan, Uganda ed Italia. La punta di diamante è la stazione installata a 8000 metri di quota sul Colle Sud dell’Everest nel 2008. Dai prossimi mesi, la rete si allargherà ulteriormente con stazioni in Bolivia, India, Caucaso, Nord Africa e sul Gran Sasso d’Italia.

A seguire, ministri e parlamentari si riuniranno nella sala del Cinema Belvedere di Sestola per la Tavola Rotonda “Le Montagne d’Italia, l’Italia della Montagna”, durante la quale discuteranno le specificita’ e le varie problematiche inerenti al mondo della  montagna. Relatori oltre a Frattini e Tremonti, Manuela di Centa, Erminio Quartiani, presidente del Gruppo Amici della Montagna del Parlamento Italiano, Agostino Da Polenza, presidente del Comitato Ev-K2-CNR, Paolo Bonasoni, responsabile scientifico della Stazione di Ricerca Ottavio Vittori ISAC-Cnr, Sandro Lazzari, presidente nazionale Impianti di risalita (Anef) e Vasco Errani, presidente della Regione Emilia-Romagna, Vasco Errani.

Il ministro Tremonti, grande appassionato di sci, a conclusione dei lavori riceverà inoltre il Diploma di Maestro di sci ad honorem.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close