Alpinismo

Garwal, tre vie nuove per Prezelji

immagine

LUBIANA, Slovenia — Marko Prezelj torna sotto le luci della ribalta, con tre vie nuove nell’Himalaya indiano. Il fuoriclasse sloveno, vincitore del Piolet d’Or 2007, ha aperto le tre linee con due connazionali, Rok Blagus e Luka Lindic, nel gruppo del Bhagirathi che si trova vicino allo splendido Shivling, nel Nord del Garhwal Himalaya.

Diciassette giorni. Questo il tempo totale impiegato dagli sloveni per aprire le tre vie nel Bhagirathi, un massiccio che in realtà per loro ha rappresentato un ripiego scelto di fretta, poche settimane prima della partenza, dopo che le autorità indiane hanno negato loro il permesso di scalare nel Karakorum orientale.

Il risultato di questa "spedizione a vista" come l’ha definita lo stesso Prezelj, è un tris da manuale. Una via di misto di mille metri sulla ovest del Bhagirathi IV, alto 6.200 metri, che potrebbe essere una prima assoluta anche se la scarsità di informazioni sulla zona non permette di confermarlo. Un’altra di 1300 metri sulla ovest del Bhagirathi III, alto 6.454 metri, a destra del pilastro degli scozzesi, salito nel 1982. Dopo averla aperta e toccato la cima, gli sloveni hanno letteralmente attraversato la montagna, scendendo dalla parete sudest.

E infine, una spettacolare linea di granito e ghiaccio, con difficoltà fino a 6b+, WI6+ ed M8, aperta sulla sudovest del Bhagirathi II, 6.512 metri. Per quest’ultima salita, completata da un’altra traversata compiuta scendendo dalla parete est, Prezelj e soci hanno impiegato un totale di 4 giorni, di cui tre per raggiungere la cresta sommitale.
 

Sara Sottocornola

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close