Sport

Monte Bianco: Jornet vince l'Ultra Trail

immagine

COURMAYEUR, Aosta — E’ ancora Kilian Jornet a dominare l’Ultra Trail du Mont Blanc, l’estenuante gara che vede ogni anno migliaia di atleti misurarsi sui 166 chilometri e i 9.400 metri di dislivello dei sentieri che circondano il massiccio del Bianco tra Francia, Svizzera e Italia. Lo skyrunner spagnolo ha completato il percorso in 21 ore, 33 minuti e 18 secondi.

La gara, partita da Chamonix venerdì sera alle 18.30, ha visto al via 2.286 corridori che di notte hanno dovuto affrontare freddo e pioggia. Dietro Jornet, che ha distanziato i suoi successori di oltre un’ora, si sono piazzati il francese Sebastian Chigneau e poi il giapponese Tsuyoshi Kaburaki. Ritirato, purtroppo, l’italiano Marco Olmo vincitore già di due edizioni dell’Ultra Trail negli anni scorsi. Non ha terminato la gara nemmeno il nepalese Dawa Sherpa, un altro dei favoriti.

La vincitrice della gara femminile è la statunitense Kristin Moehl, arrivata al traguardo dopo 24 ore 56minuti e un secondo, seguita dall’inglese Elisabeth Hawker e dalla spagnola Monica Aguilera Viladomiu.

L’evento, che in realtà comprende tre diverse competizioni, ha visto nel complesso la partecipazione di circa cinquemila atleti. La gara più famosa è certamente l’Ultra Trail, che segue perlopiù il sentiero internazionale della Grande Escursione del Monte Bianco. Ma accanto a lei, c’erano altre quattro gare altrettanto dure ed appassionanti, che si sono svolte tutte tra il 25 e il 30 agosto.

Una è la Courmayeur-Champex-Chamonix, gara "ridotta" di 98 chilometri per 5600 metri di dislivello, vinta dallo svizzero Jean Yves Rey, in  11 ore e 40 minuti; secondo il greco Nikolaos Kalofyris, terzo Ludovic Pommeret, quarto l’italiano Daniele Gaido. Al femminile, la più veloce è stata la francese Chantal Begue, ma si sono distinte anche le italiane Patrizia Pensa e Giuliana Arrigoni, seconda e terza.

La terza gara è “Sur les Traces des Ducs de Savoie”, di 105 chilometri per 6.700 metri di dislivello, vinta dal francese Patrick Bohard e e la brasiliana Fernanda Maciel. Ultima, ma non per lunghezza, l’impressionante "La Petite Trotte à Léon", gara a squadre che si svolge su un percorso di ben 245 chilometri e 21.000 metri di dislivello, partita martedì 25 agosto a 22 dal centro di Chamonix.

Sara Sottocornola

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close