Ambiente

Rispunta la cascata delle Tofane

immagine

BELLUNO — Si è fatta un po’ attendere, ma alla fine è arrivata. In ritardo di una ventina di giorni sulla tradizione, è riapparsa la cascata delle Tofane, a Cortina d’Ampezzo che segna l’inizio del disgelo in alta quota.

La cascata, con un getto d’acqua di 400 metri, scende dai nevai della parete sud della Tofana di Rozes, la cui vetta arriva a 3200 metri di quota. Solitamente diventa attiva con il disgelo che le fornisce acqua a sufficienza per uno spettacolare tuffo nel vuoto.
 
Il fenomeno è tornato ad essere visibile dal pomeriggio di venerdì. E viste le temperature previste nei prossimi giorni è probabile che continui in maniera sostenuta.
 
Al di là della questione climatica, la cascata delle Tofane è uno spettacolo naturale sempre molto atteso a Cortina. Generalmente il salto d’acqua compare intorno alla metà di maggio, salutando la primavera.
 
Con le grandi nevicate dell’inverno 2008-2009, la cascata quest’anno invece annuncia l’estate. Sulle montagne che circondano Cortina la stagione calda è appena arrivata. Molte delle cime che sovrastano la conca ampezzana sono ancora abbondantemente innevate.
 
Guardando lo storico delle ultime apparizioni si nota che la cascata era comparsa a metà giugno nel 2006. mentre in anni più caldi il fenomeno si era presentato ad aprile, e addirittura a marzo.
 
WP
 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close