Viaggio nelle Alpi

Dal Carso a Ventimiglia, un viaggio a zig-zag di oltre duemila chilometri, per ritrovare i luoghi raccontati da “Meridiani Montagne” in cento numeri monografici. Un antropologo di fama internazionale, Annibale Salsa, e Marco Albino Ferrari, storico direttore della rivista, partono per un itinerario eccezionale che chiunque ami le terre alte potrà percorrere con noi in queste dodici puntate.

La culla dell’alpinismo, i mille volti di un arcipelago fittissimo di culture. I “nuovi montanari”, le leggende che resistono ai secoli, il turismo consapevole, gli aspetti meno noti di una grande regione unitaria al centro dell’Europa.

No. 0

Dal Carso, affacciati sul Mare Adriatico

Domani si parte

Domani si parte, ci diciamo sulla cima del Monte San Michele, quota 275, sopra la costa adriatica punteggiata dalle ciminiere dei cantieri di Monfalcone. Di fronte a noi si distende l’arco del sistema alpino, dove stiamo per salire agli alti passi, per poi incrociare vallate e laghi, costeggiare ghiacciai e riguadagnare la quota degli alpeggi… da un gruppo montuoso all’altro. Le Alpi: 1200 chilometri, 150 di larghezza tra Torino e Chambéry, una superficie di 200mila chilometri quadrati, e circa 16 milioni di abitanti. Sono le montagne più amate e fotografate del mondo. E questo è il nostro prossimo futuro.

Scopri di più su "Dal Carso, affacciati sul Mare Adriatico"
No. 1

Dal Mare Adriatico a Ravascletto

Giulie e Carniche

Inizia il viaggio, valicando quello che un tempo era un confine tra due mondi, e che oggi unisce le Alpi più orientali del continente europeo, dove mosse i suoi passi, da alpinista e uomo di profonda cultura, Julius Kugy. Il fiume Isonzo (il Soča sloveno), evocativo dei tristi eventi legati alla Grande Guerra, ci accompagnerà fin nel cuore delle Alpi Giulie, al cospetto del Triglav. Poi Kranjska Gora e il Tarvisio, verdi vallate che saranno il preludio all'ingresso nel mondo raccolto e ancestrale della Carnia.

Scopri di più su "Dal Mare Adriatico a Ravascletto"
No. 2

Da Ravascletto a Selva di Val Gardena

Dolomiti Orientali

Dopo un’immersione nel mondo della Carnia, valicheremo il confine con l'Austria al Passo di Monte Croce Carnico e percorreremo la verde Valle del Gail (Gailtal), con i suoi prati e i fitti boschi a fare da sfondo. Due mondi silenziosi separati dalla dorsale delle Alpi Carniche, che ci accompagneranno fino a luoghi ben più antropizzati e turistici. La Val Pusteria prima, la ladina Val Badia poi, per salire tra i gruppi dolomitici più celebri e approdare in Val Gardena, nel cuore turistico dei Monti Pallidi.

Scopri di più su "Da Ravascletto a Selva di Val Gardena"
No. 3

Da Selva di Val Gardena a Carezza

Dolomiti Occidentali

Il viaggio prosegue, tra la memoria del grande alpinista Emilio Comici, che sulle Dolomiti scrisse alcune pagine epiche dell'alpinismo del suo tempo, e i panorami incredibili sulle montagne intorno alla Conca Ampezzana, dove si incontrano antiche culture. Poi il turismo della Belle Époque alpina, legato alla figura di Theodor Christomannos, i grandi valichi dei Monti Pallidi, la Marmolada, Regina delle Dolomiti, in un susseguirsi di ambienti e incontri unici, terminando al Lago di Carezza, uno di luoghi più iconici e fotografati di tutte le Dolomiti.

Scopri di più su “Da Selva di Val Gardena a Carezza”
Credits

Testi: MAF – Fotografie: Michele Lotti e iStock

Share
Condividi Facebook Pinterest Twitter Whatsapp