• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Eventi, Primo Piano

Off, grande attesa per il Gran Galà della montagna e il film K2 Un urlo dalla vetta

k2unurlodallavetta-300x168.jpg

BERGAMO — Fervono i preparativi per la serata finale dell’Orobie Film Festival. Domani, sabato 24 gennaio, avrà luogo il Gran Galà della Montagna, che prevede la cerimonia di premiazione dei registi e dei fotografi vincitori dei due concorsi promossi dal Festival. La kermesse terminerà con la proiezione in prima assoluta del film K2 – Un urlo dalla vetta di Daniele Moretti prodotto da SkyTg24 in collaborazione con l’Associazione EvK2Cnr.

Durante la serata verrà annunciato il film vincitore del Premio della giuria popolare 2015 e verrà inoltre estratto un premio offerto dal Ristorante L’Officina di Grassobbio (BG) tra tutti i partecipanti al voto.

La serata inizierà alle ore 20.00, e non alle 20.30, con uno spettacolo tipico delle Ande organizzato dal gruppo Pujllay Bolivia, Balleth GUAPURU dell’Associazione Oriental e dal gruppo della Morenada Pesado Italia.

Seguirà la proiezione di un filmato fuori concorso dedicati ai Casta, i Campionati Sciistici delle Truppe Alpine presentato dal Comando delle Truppe Alpine. Saranno presenti il Maggiore Stefano Bertinotti, il Maggiore Capo Marco Morisi e 1° Caporale Maggiore Elisa Mazzucco.

La kermesse terminerà con la proiezione in prima assoluta del film K2 – Un urlo dalla vetta di Daniele Moretti prodotto da SkyTg24 in collaborazione con l’Associazione EvK2Cnr, dedicato alla prima salita interamente pakistana sul K2 effettuata ben 60 anni dopo la prima scalata del 1954. Saranno presenti il regista Daniele Moretti di Sky Tg 24 ed il Presidente dell’Associazione EvK2Cnr Agostino Da Polenza.

Al termine della serata verrà offerto un brindisi con un assaggio di prodotti tipici della Valle Brembana, offerto da Agriturismo Ferdy, MicroBirrificio Via Priula e Latteria sociale di Branzi che si presenteranno insieme all’Associazione Emozioni Orobie portando al pubblico degli esempi del “fare rete turistica” e, di conseguenza, di creazione di opportunità lavorative in montagna, anche in tempi di crisi.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.