• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Politica

Nuovo disegno di legge per la montagna

immagine

AOSTA — Un provvedimento a favore dei territori di montagna. E’ questo il contenuto del disegno di legge presentato in questi giorni in Senato per dare nuovo slancio ai territori di montagna, che comprendono 4200 comuni, il 54 per cento del territorio nazionale e 10 milioni di persone.

Il testo porta la firma dei senatori Carlo Perrin e Giacomo Santini ed è il frutto del lavoro condiviso dell’intero gruppo interparlamentare Amici della montagna, il raggruppamento presieduto da Erminio Quartiani che comprende deputati e senatori di diversa estrazione politica, accomunati dalla passione per la montagna.
 
"E’ necessario ridare in breve tempo vigore alla legge generale sulla montagna" ha detto Quartiani (nella foto) intervenendo al tavolo politico che si è tenuto nei giorni scorsi a Champoluc, in Val d’Aosta, per definire uno schema unitario per il disegno di legge che tutela e valorizza i territori montani.
 
"La riunione di oggi – ha spiegato il deputato diessino – ha dimostrato che si può rapidamente convergere su obiettivi comuni anche tra l’iniziativa parlamentare, quella delle Regioni, degli enti locali, delle comunita’ montane. E non solo per situazioni di emergenza ma anche per ridare vigore e  riformare una legge generale per la montagna che ormai ha la sua età e mostra qualche crepa".
 
Ecco dunque il disegno di legge Perrin. Trentadue articoli che puntano a rilanciare il sistema montagna a tutto tondo. "Si tratta di un provvedimento bipartisan – ha precisato Quartiani – che abbiamo discusso un anno con tutti gli interlocutori istituzionali, sociali, economici che operano in montagna".
 
Toccherà ora al Senato dichiararne "l’urgenza", in modo tale che il provvedimento sia discusso in aula in tempi brevi e quindi passi alla Camera entro la fine dell’anno, al massimo l’inizio dell’anno prossimo, per la definitiva approvazione.
 
Guarda il testo integrale del disegno di legge sulla montagna
Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.