• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo, Alta quota, Top News

Everest, armistizio al campo base. Ma la spedizione di Moro e Steck è chiusa

Everest-photo-courtesy-Simonemoro.com_-300x199.jpg

(Updated) CAMPO BASE EVEREST, Nepal — E’ un vero e proprio armistizio quello che  ieri è uscito dal summit fra alpinisti, sherpa e autorità al campo base dell’Everest. Simone Moro, Ueli Steck, Jon Griffith e gli sherpa protagonisti dell’aggressione accaduta a 7000 metri nella giornata di sabato si sono scusati reciprocamente e hanno sigillato la “pace fatta” con un abbraccio e lo scambio di una kata, la sciarpa portafortuna nepalese. Ma la “ferita” è stata troppo grande, e il team alpinistico di Moro, Steck e Griffith non se l’è sentita di proseguire la spedizione con la quale avrebbero dovuto aprire una via nuova sull’Everest senza ossigeno. Steck e Griffith torneranno a casa, Moro invece rimarrà in Nepal per lavorare con l’Himalayan Rescue Team.

Le decisioni prese durante la riunione al campo base sono state comunicate nelle scorse ore. A raccontarcele a caldo, pochi minuti dopo la conclusione della riunione, è Nima Nuru Sherpa, presidente della Cho Oyu Trekking, una delle maggiori agenzie nepalesi per trekking e spedizioni in Himalaya.

“Il meeting al campo base è stato presieduto da un leader dell’esercito nepalese, Major Sunilsingh Rathor – ci racconta Nima, che ha organizzato anche la spedizione di Moro e Steck insieme a molte altre – e si è svolto con la presenza di autorità come un rappresentante del Ministero del Turismo, l’Spcc e molti alpinisti, capispedizione e sherpa. Penso che fossero circa 70 persone. Gli sherpa hanno chiesto scusa per i loro errori, e hanno deciso quanto segue: tutti, compresi gli sherpa, torneranno al lavoro per rendere possibile il successo delle spedizioni. Hanno deciso che in futuro qualsiasi incidenti capiti a campo 2 o sulla montagna, verrà discusso solo al campo base in presenza dei rappresentanti governativi”.

Chiediamo a Nima Nuru Sherpa se nel summit sono emerse le vere ragioni della lite, se dietro al diverbio non ci sia solo un’incomprensione sulla caduta di un presunto blocco di ghiaccio ma qualche astio latente fra alpinisti e Sherpa. “Non credo, non so nulla di questo – risponde Nima -. Si è trattato solo di un diverbio degenerato. Le spedizioni danno agli sherpa la responsabilità di fissare le corde da campo 2 a campo 3. Verso campo 3 gli sherpa hanno chiesto agli alpinisti di non passare dove stavano lavorando, ma loro dovevano farlo per raggiungere il punto in cui volevano guardare la parete, ed è nato il diverbio. All’inizio il gruppetto di sherpa che voleva attaccare gli alpinisti era ristretto, erano pochi, ma quando la lite si è fatta aspra al campo 2, si sono avvicinati molti molti altri sherpa”.

“E’ un grave incidente nella comunità alpinistica – commenta infine Nima -. Dovremo sicuramente inserire un qualche controllo tra i climbing sherpa e gli alpinisti sulle alte montagne, e chiarire le responsabilità e i doveri che hanno gli sherpa nei confronti degli alpinisti. Non vogliamo che accadano altri incidenti come questi in futuro. E’ un peccato che sia accaduto proprio quest’anno in cui ricorre anche il Diamond Jubilee della prima salita all’Everest. Dobbiamo imparare da questi incidenti. Tutti al campo base hanno condannato quanto successo, tutti hanno chiesto scusa e tutti si sono impegnati a fare in modo che non accada più nulla del genere in futuro”.

 

 

Articolo precedenteArticolo successivo

4 Comments

  1. Da buon Italiana certo che sto dalla parte di Moro ma sinceramente se guardo con la testa vedo una cosa e con il cuore tutt’altro. Simone ha esagerato tanto questa volta. Esagerare significa anche aver dato una brutta visione di Alpinismo . Forse le sue ultime spedizioni sono sempre andare male e quindi il nervosismo si è fatto sentire. Speriamo che lui sappia dare un senso a tutto ciò perché pare che i video su you tube non gli siano tanto a favore. Dispiaciuta x la sua spedizione

    1. Signora Benedetta, da buon italiano Le consiglio calorosamente di fare un approfondito ripasso della grammatica italiana e della relativa punteggiatura prima di osare a postare un commento su un sito autorevole e di dominio pubblico come montagna.tv. La trovo assolutamente male informata al medesimo tempo. Le chiedo invece io come si permette Lei di giudicare e criticare un grandissimo Professionista come Simone Moro che fa dell’alpinismo di altissima qualità la sua principale vocazione; come si possono inoltre rivolgere delle critiche ad un pilota dell’Himalayan Rescue Team che mette a repentaglio la propria vita per salvare quella degli altri alpinisti???
      Si vergoni Benedetta.

      1. Evidentemente lei ha mal interpretato le mie parole. Io sono a favore e mi piace Moro come Alpinista e come ho concluso la mia frase ho specificato anche che mi dispiace molto x la fine della sua spedizione. Grazie

  2. @Reinold:
    mamma mia come te la aprendi male. Non dobbiam mica tutti scrivere la divina commedia.

    … a quanto pare di persone facilmente suscettibili non si trovan solo in Nepal ;-P

    take it easy!!
    Viva la montagna
    M.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.