• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Primo Piano, Prodotti tipici

Gran Sasso, nascono le locande rurali dove gustare i prodotti tipici

Prodotti tipici del Gran Sasso (Photo courtesy parks.it)
Prodotti tipici del Gran Sasso (Photo courtesy parks.it)

ASSERGI, L’Aquila — Piatti storici delle montagne abruzzesi, cucinati con ingredienti rigorosamente a chilometro zero. E’ questa la filosofia su cui si basano i ristoranti che entreranno a far parte del circuito “Locande Rurali”, ideato dal Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga per promuovere il ricco patrimonio enogastronomico del luogo.

L’iniziativa delle locande rurali nasce a seguito della realizzazione della “Rete degli Agricoltori Custodi del Parco”, finalizzata al recupero, alla conservazione ed alla valorizzazione delle antiche varietà colturali locali, anche volta tutela della biodiversità vegetale dell’area protetta.

“L’idea è quella di legare in modo diretto e concreto il mondo della produzione agricola e la ristorazione di qualità – dichiarano i responsabili del Parco – nell’ottica di costituire un volano per l’economia dell’area protetta combattendo l’annoso fenomeno dello spopolamento della montagna”.

“Il patrimonio enogastronomico di queste zone è di assoluto valore – si legge nel comunicato del Parco – e fonda le proprie qualità nella storia di questi luoghi e nell’operosità dei tanti piccoli produttori e nello spirito dei cuochi dei nostri paesi. L’Ente Parco sostiene una politica di incentivazione delle attività tradizionali legate alle produzioni agroalimentari di qualità ottenute con materie prime provenienti esclusivamente dalle coltivazioni e dagli allevamenti presenti nell’area protetta. I cuochi sono gli interpreti del territorio che valorizzano le produzioni locali attraverso la loro stessa creatività”.

Con l’adesione al progetto “Locande Rurali”, i ristoranti si impegnano a rifornirsi dalla “Rete degli Agricoltori Custodi del Parco” per una quota significativa dell’esercizio, e a promuovere il territorio, le sue peculiarità ambientali, le sue tradizioni gastronomiche.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *