• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Eventi, Primo Piano

Pinerolo, aperto il nuovo rifugio Giuseppe Melano Casa Canada

Il nuovo rifugio Giuseppe Melano Casa Canada (Photo courtesy of www.casacanada.eu)
Il nuovo rifugio Giuseppe Melano Casa Canada (Photo courtesy of www.casacanada.eu)

FROSSACO, Torino – É stato inaugurato ufficialmente domenica 25 settembre il nuovo rifugio Giuseppe Melano Casa Canada ai piedi di Rocca Sbarua, sul monte Freidour, sopra Pinerolo. La struttura sostituisce quella smantellata nel 2007, con il riutilizzo dei materiali donati dal Canada a Torino per le Olimpiadi Invernali 2006.

Il nuovo rifugio Giuseppe Melano Casa Canada si trova a 1060 metri di altezza, ai piedi di rocca Sbarua, la celebre parete di roccia gneiss su cui hanno arrampicato grandi dell’alpinismo del calibro di Boccalatte, Gervasutti, Ellena, Mellano, Rossa, Rivero e Motti. La vecchia struttura, che si chiamava solo rifugio Giuseppe Melano, è stata smantellata nel 2007 per essere sostiuita da uno dei prefabbricati utilizzati in occasione delle Olimpiadi invernali di Torino 2006.

Casa Canada era stata infatti costruita con materiali donati dallo stato d’oltreoceano al capoluogo piemontese in quanto sede dei successivi giochi invernali. Una volta terminata la competizione internazionale, la regione del British Columbia ha donato la struttura alla città di Torino, la quale a sua volta ha donato l’edificio alla Comunità Montana Pinerolose Pedemontano.

Negli anni successivi si è provveduto alle dovute modifiche per rendere il rifugio accessibile e funzionale sotto la direzione del CAI Pinerolo e con ll contributo della Comunità Montana e del Comune di Frossasco e sponsorizzazioni da parte di diversi enti pubblici, organismi ed imprese privati fino ad arrivare all’inaugurazione ufficiale di domenica scorsa.

Articolo precedenteArticolo successivo

1 Comment

  1. Hanno fatto bene il rifugio Melano era scandaloso, la struttura era bella, d’altri tempi un casone di metallo, il problema più grosso erano le fogne che non tiravano e la zona e costellata di “bisogni” una vergogna anche perchè il luogo è frequentatissimo.
    Simpatico però il gestore.
    Speriamo il bene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.