• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpi e pareti, Alpinismo, Alta quota, Karakorum, Top News

K2, si tenta la vetta: Gerlinde in salita

Il K2
Il K2 (Photo Maurizio Gallo)

ISLAMABAD, Pakistan — Sono partiti verso la vetta. Approfittando della finestra di bel tempo, al K2 molti alpinisti hanno iniziato la salita nel weekend e probabilmente già domani potrebbero provare la cima. Tra loro, Gerlinde Kaltenbrunner, Ralf Dujmovits, Fredrik Ericsson, Trey Cook, Kinga Baranowska e Fabrizio Zangrilli.

La notizia della partenza, riferita poco fa da Explorersweb, è stata confermata anche da Maurizo Gallo, leader della Keep K2 Clean Expedition, arrivata al campo base sabato e già all’opera per ripulire la montagna dai rifiuti.

Proprio sabato è partito il primo tentativo di vetta della stagione sul K2. Gli alpinisti sopracitati sono saliti lungo la via Cesen verso campo 2. Oggi sono arrivati a campo 3 e domani dovrebbero effettuare i primi tentativi di vetta, anche se il vento sembra essersi alzato nelle ultime ore.

Il tentativo più atteso è certamente quello dell’austriaca Gerlinde Kaltenbrunner, che potrebbe diventare la prima donna al mondo ad aver salito tutti i 14 ottomila senza ossigeno, visto che le due sue colleghe che già hanno completato la collezione – Oh Eun Sun ed Edurne Pasaban – lo hanno usato su almeno due cime.

SUllo sperone Abruzzi, dove saliva Giuseppe Pompili, il tentativo è invece già fallito e la spedizione italiana è sulla via del rientro. “I venti dei giorni scorsi hanno rotto molte tende a campo 2, tra cui la nostra – ha detto l’alpinista -. Ha spazzato via sacchi a peli, thermos e guanti d’alta quota. E’ impossibile per noi proseguire la salita. Rientriamo e non credo che torneremo qui, i costi sono troppi per semplici amatori come noi”.

L’altra spedizione italiana in campo, quella di Mario Merelli e Marco Zaffaroni, è salita per installare campo 3, ma non tenterà la vetta stavolta. Si acclimaterà meglio e attenderà la prossima finestra di bel tempo.

Mike Horn e Kobi Reichen sono invece rientrati, dicendo che le condizioni meteo non erano sufficientemente belle per un tentativo di vetta.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.