• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità, Primo Piano

Cercasi Francesca disperatamente. Un appello nato da un colpo di fulmine a 2950 metri di quota

Terrazza del Pordoi, Trentino Alto Adige, Stefano, Francesca, ricerca, PontederaIl punto di incontro di Stefano e Francesca – Foto FB @Sass Pordoi

Galeotta fu la montagna. Stefano è un giovane di Reggio Emilia che il 24 agosto 2017 ha incontrato a 2.950 metri di quota, sulla Terrazza del Pordoi in Trentino Alto Adige, una ragazza che lo ha stregato, di nome Francesca.

Non sapendo come rintracciarla, dopo aver vanamente tentato su Facebook, si è affidato ad un appello corredato di una sua foto in vetta, pubblicato su una intera pagina pubblicitaria del Tirreno.

Un incontro di pochi minuti, il tempo di lanciarsi qualche sguardo, scambiare due parole. È bastato questo a immortalare Francesca nella sua mente e, a quanto pare, nel suo cuore.

Di lei Stefano sa molto poco, giusto il nome e la sua città: Pontedera (PI).

La foto di Stefano in vetta allegata all’appello

Di lei conservo solo il nome e avrà circa 40 anni. Una semplice chiacchierata ci ha consentito di scambiare alcune informazioni sommarie come il suo lavoro nella pubblica amministrazione. Lei era in vacanza ad Alba di Canazei coi suoi genitori. Io con mio fratello e i miei genitori, cui avevamo regalato alcuni giorni di vacanza per il 50° anniversario di matrimonio, eravamo alloggiati a Corvara, in Alta Badia.Con Francesca ci siamo fermati a chiacchierare per circa un’oretta poi causa problema di altitudine per i miei genitori, sono dovuto scendere a valle e non sono più riuscito a ricontattarla, né tantomeno ad avere il suo numero di cellulare per darle almeno un semplice saluto” – si legge in quella che suona come una vera richiesta di aiuto, cui è giunto dopo più di un anno, ormai cosciente di non riuscire a dimenticarla.

Mi piacerebbe tanto poterla rintracciare almeno per poter fare due chiacchiere, anche per telefono oltre a un saluto“.

Francesca, se ci stai leggendo, proviamo anche noi ad aiutare Stefano.

Articolo precedenteArticolo successivo

4 Comments

  1. Doveva chiedergli il numero se ci teneva tanto. 🙂

    Lo so, non è facile…Ma a volte bisogna rischiare…a volte è successo anche a me e mi sono pentito di non aver ottenuto un contatto di alcun tipo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.