• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo, Primo Piano

Tom Ballard dà lezioni di dry tooling a Daniele Nardi al Nanga Parbat

Date un paio di ramponi e due piccozze in mano a Tom Ballard e compirà sulla roccia delle cose incredibili. Sua è l’apertura della linea di dry tooling più difficile al mondo, A Line Above the sky (D15), nella falesia Tomorrow’s World, in Dolomiti. Vederlo in azione lascia senza fiato (vi consigliamo il film Generation Dry, che potete vedere su YouTube sottotitolato in italiano qui). 

E così, tra la lettura di libri, la visione di film, in attesa della tanto agognata finestra di bel tempo per tornare a salire sullo Sperone Mummery, perché non “sfruttare” la presenza al campo base di un fuoriclasse come Tom Ballard per imparare qualche trucco? 

Tom mi ha dato lezione, visto che lui è un campione in questa attività, su un masso poco distante dal campo base – scrive Daniele Nardi -. Ci siamo divertiti? Un sacco! è un modo per fare squadra, per far muovere i muscoli, per divertirsi ed anche per allenarsi in vista delle prossime salite. E poi vuoi mettere quando tornerò sul mio Appennino con nuove tecniche?“. 

 

 

 

 

Articolo precedenteArticolo successivo

5 Comments

  1. Speriamo che poi almeno se arrivano su Nardi attribuisca la salita al vero artefice…o vale anche farla tutta da secondo?

    1. Le scrivo apposta per far parlare i tifosi…visto che da quello che leggo su questo sito ne ha tanti…e cmq non neghiamo che questa volta sia stato intelligente a portarsi dietro il n°1 in quel tipo di tecnica…infine se ti consola io non ci vado neanche da terzo perché probabilmente morirei prima di arrivare al CB…a meno che non ci vada in elicottero ovviamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.