• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo, Primo Piano

Medaglie d’onore dalla Russia ai soccorritori pakistani che hanno salvato Alexander Gukov sul Latok I

Alexander Gukov, Latok I, salvataggio, premiazione, Rawalpindi, Pakistan, Vladimir Puti

Giovedì 27 dicembre l’ambasciatore russo in Pakistan Alexey Yurevish Dedov, ha consegnato da parte del Governo russo onoreficenze e medaglie a due soldati e dieci ufficiali dell’esercito pakistano intervenuti nel salvataggio di Alexander Gukov, rimasto bloccato per quasi una settimana a 6.200 metri sul Latok I lo scorso luglio .

La cerimonia di premiazione si è svolta nel quartier generale dell’esercito pakistano a Rawalpindi, non distante dalla capitale Islamabad.

Dedov ha consegnato ai soccorritori l’ordine dell’amicizia, onoreficenza già concessa ai quattro piloti dell’elicottero impegnato nelle difficili operazioni di salvataggio a settembre dal Presidente Vladimir Putin e delle medaglie per il coraggio e per lo spirito di cooperazione dimostrato.

Sono stati inoltre consegnati dei diplomi d’onore e delle lettere di gratitudine da parte dell’Unione Russa dei Soccorritori e della Federazione Russa di Alpinismo.

Cari amici, non ho parole per esprimere la mia gratitudine ai soccorritori pakistani, che hanno dimostrato le loro migliori qualità nel corso delle operazioni di salvataggio. Vi siamo profondamente grati per aver salvato il nostro alpinista Alexander Gukov”. Queste le parole con cui l’ambasciatore ha voluto ringraziare quelli che la Russia ha considerato dei veri e propri eroi, aggiungendo poi “Le vostre azioni hanno dato una ennesima dimostrazione della forte amicizia che lega Russia e Pakistan. Questo salvataggio ci ha aiutati nuovamente non solo ad affrontare insieme una situazione di pericolo ma anche a comprendere qualcosa in più gli uni degli altri”.

 

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.