• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Ambiente, Natura, Primo Piano

Il gufo delle nevi rischia l’estinzione

WWF, gufo delle nevi, biodiversità, estinzione, cambiamento climatico, conservazioneFoto Barbara Fleming

Il WWF ha decretato tra le specie animali, chi sono stati i “perdenti e i vincitori” del 2018 in termini di biodiversità.

Una notizia che intristisce il mondo degli appassionati di montagna è che nell’elenco dei perdenti vi sia anche il meraviglioso gufo delle nevi, noto in Italia anche come Civetta delle nevi Barbagianni Reale, che si trova a combattere contro il cambiamento climatico e la riduzione del suo habitat. Insieme a lui, in una difficile lotta alla sopravvivenza, troviamo l’aringa del baltico, l’orango di Tapanuli e la tartaruga dal guscio molle gigante dello Yangtze.

Il gufo delle nevi, sebbene in Italia gli avvistamenti siano da sempre rari lungo l’arco alpino, è stato considerato fino a poco tempo fa ampiamente diffuso nel Nord Europa, negli Stati Uniti e in Canada. Si stimava che la popolazione contasse circa 200.000 esemplari. In realtà gli ultimi studi hanno evidenziato la caduta drastica del numero di uccelli a 28.000, determinando l’inserimento della specie nella categoria “a rischio estinzione”. Gli  scienziati ipotizzano che, a causa dell’inarrestabile cambiamento climatico e della conseguente diminuzione delle loro principali prede, i lemming, il numero dei gufi delle nevi possa in futuro scendere a 14.000 o addirittura 10.000.

Unica speranza per salvare la specie è la messa in atto di interventi volti alla sua conservazione, come successo nel caso dei gorilla di montagna, la cui popolazione è salita a 1.000 esemplari, un valore molto più alto di ogni aspettativa.

 

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.