• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Primo Piano, Rock

Online Alone on the Wall, il film del free solo che ha consacrato Alex Honnold

Un uomo, solo su una delle più grandi pareti al mondo.  Alone on the Wall segue il giovane Alex Honnold in un’impresa che lo inserisce nell’albo dei grandi: la salita in free solo di una delle più imponenti formazioni rocciose: l’Half Dome, un colosso granitico di 2700 metri nello Yosemite National Park.

Lì il 23enne Alex, con perseveranza e grande tecnica, corona il suo sogno e fa salire ad un nuovo livello l’arrampicata su roccia.

Il film è ora disponibile in versione integrale online. Buona visione!

 

 

Articolo precedenteArticolo successivo

4 Comments

  1. Io credo fermamente che ognuno di noi abbia il diritto di rischiare la propria vita per raggiungere un obbiettivo così come credo che chi, come Alex, compie imprese così notevoli senza protezioni, lo faccia non perché tiene poco da conto la propria vita, ma perché è consapevole di potercela fare per le sue capacità e per il suo auto-controllo. Ciò detto, quello su cui invece non sono d’ accordo è la pubblicizzazione così entusiasta di queste imprese: il pericolo dell’ emulazione da parte di persone non abbastanza in grado di fare simili imprese e mancanti dell’ auto-controllo essenziale per portare a casa la pelle, è, purtroppo, un pericolo molto concreto. Del resto credo che nessuno di noi esternerebbe la sua ammirazione per un operaio edile che lavorasse sulle impalcature senza alcuno dei dispositivi di sicurezza che almeno in parte fanno sì che il numero di morti sul lavoro non sia ancora più grande di quello che è tuttora.

    1. Sì, credo che il tuo pensiero sia condivisibile da tutte le persone di buon senso. La sfida è quella di vivere realizzando le nostre ambizioni, spesso a rischio d’incognita.

    2. Non sono per nulla d’accordo. Parli del pericolo di emulazione per colpa della “pubblicizzazione” di queste imprese quando nel quotidiano (e senza troppe pare mentali) siamo bombardati da corse in macchina e moto, film e giochi di guerra, pornografia ecc ecc…e tu mi dici che questa persona è “di cattivo esempio”?! Peraltro perdonami ma l’esempio dell’operaio non ci azzecca proprio…sarebbe come dire che in MotoGP non danno il buon esempio perché vanno troppo forte, che potresti avere pure ragione ma per le moto nessuno si scandalizza. Come al solito due pesi, due misure…Bah

  2. State pure tranquilli. Se a qualcuno, vedendo il video, gli viene voglia di emularlo, fa tutto parte della legge di Darwin.
    Selezione naturale.
    Se non di ammazza con il free solo, lo farà in moto o in auto o tuffi o parkour…
    Non saranno le vostre premure a difenderlo da se stesso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.