• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo, Primo Piano

Jannu East. I Ragni di Lecco Bacci e Moroni rinunciano alla salita

David Bacci, Luca Moroni, Ragni di Lecco, Jannu East, HimalayaDavid Bacci e Luca Moroni sul Denali (2017)

La spedizione dei Ragni di Lecco David Bacci e Luca Moroni, partita lo scorso 9 settembre per il Kanch Himal sul confine tra Nepal e India, alla conquista dell’inviolato versante nord dello Jannu East (7458 m) non ha avuto l’esito sperato. Le condizioni pessime della parete hanno infatti portato i due a rinunciare alla salita.

Un’esperienza di certo difficile da elaborare, come ha commentato il Presidente del Gruppo Ragni Matteo Della Bordella – “Batoste come questa fanno parte dell’alpinismo vissuto ad alto livello e, posso dirlo per esperienza diretta, nella storia dei Ragni spesso sono state preludio a grandi realizzazioni”.

Un punto di vista che sembra corrispondere a quello di Luca Moroni, che sul suo profilo Instagram ha scelto di raccontare la “sconfitta” attraverso una frase iconica di Michael Jordan: “Avrò segnato undici volte canestri vincenti sulla sirena, e altre diciassette volte a meno di dieci secondi alla fine, ma nella mia carriera ho sbagliato più di 9.000 tiri. Ho perso quasi 300 partite. Per 36 volte i miei compagni si sono affidati a me per il tiro decisivo… e l’ho sbagliato. Ho fallito tante e tante e tante volte nella mia vita. Ed è per questo che alla fine ho vinto tutto.

 

I due alpinisti avevano già mostrato una grande determinazione lo scorso anno durante la loro prima esperienza in Alaska, riuscendo in soli 5 giorni ad effettuare la prima ripetizione italiana della Diretta Slovacca sul Denali (6190 m).

La decisione di tornare indietro non deve essere stata dunque presa con facilità. Ne è la prova il tentativo in solitaria di David Bacci sull’Anidash Chuli (6800 m) qualche giorno dopo la rinuncia al Jannu East, abortito anch’esso per le condizioni non ottimali del pendio. 

Articolo precedenteArticolo successivo

2 Comments

  1. Ma quanto è alta la parete che volevamo tentare e qual’è la linea di salita che volevamo tentare in foto? che due così abbiano rinunciato sa di mostro ma senza dettagli non si puà capire

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.