• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Appennino, Attualità, Cronaca, Primo Piano

Strada dei Parchi: limitazioni al traffico sui viadotti

Strada dei Parchi, viadottiFoto ANSA/CLAUDIO LATTANZIO

Scattate negli scorsi giorni le limitazioni al traffico, consigliate dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, sulla Strada dei Parchi (A24 e A25). Dopo le accurate ispezioni sulla stabilità di 87 viadotti delle autostrade A24 e A25 è stato infatti decretato un allarme per la sicurezza. I viadotti sono stati esaminati e trovati in stato di decadimento manutentivo a causa dell’incremento dei carichi di esercizio rispetto all’epoca di costruzione. Una situazione che non sarebbe in grado di garantire “il raggiungimento di adeguato standard di sicurezza con il regolare transito della circolazione” come indicato nel documento dell’Ufficio ispettivo territoriale di Roma del ministero.

Per questo da qualche giorno è stato posto divieto di sosta per mezzi pesanti nelle aree di emergenza e l’obbligo di mantenere una distanza di 100 metri tra un mezzo pesante e l’altro. Tra le indicazioni fatte presenti all’interno della relazione firmata dal dirigente del ministero, Placido Migliorino, si fanno presenti “sollecitazioni critiche specialmente agli impalcati e alle solette” e si chiede quindi una particolare attenzione per quanto riguarda il transito di camion e autoarticolati. Oltre a questo nel documento si parla anche di nuovi accertamenti mirati per il monitoraggio delle infrastrutture attraverso prove di carico su scala reale e “monitoraggio sismico” unitamente a un piano di gestione delle emergenze.

Insieme ai viadotti anche le gallerie dei tracciati di A24 e A25 sono state controllate ed è risultato verosimile l’ipotesi che al primo maggio 2019 le autostrade A24 e A25 non saranno in regola” a causa di un mancato adeguamento normativo che potrebbe comportare provvedimenti fino all’interdizione della circolazione nelle tratte interessate dalle 54 gallerie delle autostrade.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.