• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo, Top News

La terza volta è quella buona! David Lama in vetta al Lunag Ri

David Lama, Lunag Ri, Nepal, Himalaya, prima salita, vetta, soloFoto David Lama Official FB Page

Dopo due tentativi falliti in compagnia di Conrad Anker, l’alpinista austriaco David Lama è riuscito nell’impresa di conquistare la vetta himalayana del Lunag Ri (6.895 metri) lungo la complessa cresta Ovest. E lo ha fatto in solitaria.

Il Lunag Ri rappresenta la montagna più alta del gruppo dei Lunag sul confine tra Nepal e Tibet, la cui cima minore Sud Est (6.812m) è stata raggiunta per la prima volta nel 2010 da una spedizione francese ma mai nessuno prima era riuscito nell’impresa appena portata a termine da Lama.

Dettagli precisi ancora non sono disponibili ma sul profilo Instagram di Conrad Anker si può leggere il suo messaggio di congratulazioni all’amico David per l’impresa appena compiuta: “Congratulazioni @davidlamaofficial per la tua vincente ascesa in solitaria del Lunag Ri. Sono veramente felice di aver ricevuto notizia del tuo successo. La terza volta è quella buona!”

I due avevano provato a raggiungere per la prima volta la vetta nel novembre 2015, decidendo di ritornare sui loro passi a causa delle difficili condizioni della montagna. In un video sul tentativo fallito Lama afferma che se avessero raggiunto la vetta sarebbe stato certamente magnifico, in compenso sono tornati a casa con tutte le dita e molte informazioni utili per tentare una seconda volta l’anno successivo. Ma anche nel 2016 il destino si è opposto alla conquista a causa di un infarto che ha colpito Anker a 6000 metri. Rimasto da solo, Lama aveva tentato di scalare il Lunag Ri in solitaria. Tre giorni dopo l’evacuazione del compagno, portato rapidamente in elicottero a Kathmandu per essere sottoposto ad un intervento cardiaco. Era partito dal campo durante la notte, deciso ad intraprendere la salita attraverso una via nuova, più a destra rispetto a quella seguita nei precedenti tentativi con Anker, arrampicando senza corda su neve e pendii ghiacciati per raggiungere un punto più alto della cresta su terreno tecnicamente più agevole. Dopo due bivacchi a poche centinaia di metri dalla vetta Lama si era reso conto di essere troppo stanco per proseguire e aveva preferito usare le ultime energie residue per scendere in sicurezza.

Come ha ben detto Conrad Anker, il terzo anno si è rivelato quello del successo. Una salita in solitaria, in realtà pensata inizialmente da David Lama come terzo tentativo di squadra. Purtroppo il fido compagno delle precedenti avventure ha dovuto rispondere negativamente all’invito, non sentendosi ancora pronto a ritornare sul Lunag Ri a soli due anni dall’infarto.

Restiamo in attesa di maggiori dettagli nei prossimi giorni, magari direttamente dalla voce del protagonista!

Articolo precedenteArticolo successivo

4 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.