• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cultura, Mostre, Primo Piano

“Sulle tracce dei ghiacciai”, in mostra il dramma dei ghiacciai che muoiono

ghiacciai, cambiamento climatico, fabiano ventura, sulle tracce dei ghiacciai, mostreFoto @ Fabiano Ventura

Il progetto fotografico-scientifico “Sulle tracce dei ghiacciai” sarà in mostra dal 25 ottobre al 4 novembre nel Sottoporticato di Palazzo Ducale a Genova dove saranno sposti 60 confronti fotografici realizzati da Fabiano Ventura durante le sue spedizione sulle catene montuose di Karakorum, Caucaso, Alaska e Ande.

La mostra consente di osservare, grazie alla fotografia comparativa, come, a più di cento anni di distanza, sono cambiati i ghiacciai, sensibili e importanti indicatori dei cambiamenti climatici in atto sulla Terra. Affiancate alle immagini moderne, realizzate da Ventura con macchine di grande formato in pellicola fino a 4×5 pollici, sono esposte quelle storiche in bianco e nero restaurate, realizzate tra Ottocento e Novecento dai fotografi Vittorio Sella, Alberto Maria De Agostini, Mor von Dechy, Massimo Terzano, William Osgood Field, Marion T. Millett, Richard U. Light, Harry Fielding Reid, che parteciparono alle principali spedizioni esplorative dell’epoca.

Ad affiancare la mostra, una conferenza dal titolo “Montagne senza ghiacciai. Un futuro possibile?” organizzata dal Comitato Scientifico del Cai. Moderati dal giornalista Luca CalzolariFabiano Ventura e il professor Claudio Smiraglia, glaciologo di fama internazionale, approfondiranno la tematica dei cambiamenti climatici al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza di un impegno concreto per limitare l’aumento della temperatura globale. Alla fine della conferenza Fabiano Ventura e Claudio Smiraglia accompagneranno il pubblico in una visita guidatadella mostra.

Per ulteriori informazioni: mostra conferenza.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.