• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità, Top News

Milano e Cortina, il sogno Olimpico invernale del 2026 deve ricordarsi del grande Rolly Marchi

Rolly Marchi ci lasciò 5 anni fa, il 14 ottobre. Era nato a Trento, ma aveva vissuto a Milano e a Cortina d’Ampezzo per amore e adozione.

Nel 1956 fu speaker ufficiale delle Olimpiadi di Cortina e da allora la sua passione per lo sci, gli sport invernali, l’alpinismo e tutto ciò che aveva a che fare con lo sport e l’agonismo sportivo dal mare con Azzurra, prima barca all’American Cup, alla vetta del K2, in occasione del 50° anniversario della prima salita, erano diventati la sua vita come anche la cultura, il giornalismo, l’arte, la passione per la tradizione e l’avversione per il conformismo e la banalità.

Con Disney organizzò in Italia il trofeo Topolino, poi un’infinità di gare da sci su tutto l’arco alpino che forgiarono la grande valanga azzurra.

La sua abitazione  museo era nel cuore della Milano dei pittori in Corso Garibaldi, a due passi da Brera. Amico di tutti gli artisti e dei protagonisti della moda e degli eventi sportivi. Alla Gazzetta era di casa come sui principali quotidiani dove aveva raccontato tutti i Giochi olimpici.

Rolly era la memoria vivente delle Olimpiadi invernali: ricordava ogni gara e ogni campione e della maggior parte ne era diventato amico.

A Milano nel 2000 per il nuovo millennio volle organizzare Milano Montagna 2000 in occasione della quale portò da tutto il mondo nella città meneghina 100 tra i personaggi più illustri tra gli alpinisti e sciatori, scrittori e artisti.

Lo so che Rolly sotto il grande cappello da cowboy sta guardando con il cuore gonfio e con mille idee a Milano e Cortina, le sue due case, unite nel sogno e nell’abbraccio olimpico. È per questo che  Giuseppe Sala, sindaco della Milano che Rolly amò con passione e rispetto, e commissario di Expo 2015 -che Rolly non poté vedere ma che grandemente avrebbe apprezzato- e Gianpietro Ghedina, sindaco della Cortina, città del sole, della neve, dei boschi e delle più belle cime dolomitiche -che Rolly  amò disperatamente e a cui dedicò infinita passione-, hanno ora l’opportunità di rendere ancora una volta felice e protagonista Rolly Marchi, l’uomo che ha raccontato e vissuto tutte le olimpiadi invernali e amato le due città che potrebbero ospitarle nel 2026.

Articolo precedenteArticolo successivo

1 Comment

  1. Si sentono venticelli di proposte sulla cerimonia di inaugurazione e quella finale.Dello sport e degli atleti…qualcosa si sapra’ se si vivrà…c’e’ tempo fino al 2016.
    Il bello di Torino 2006 fui che alle cerimonie si presento’ ben felice neo ministra Melandri, fresca di nomina…con il sorriso di chi ha fatto bingo.
    Intantosi possono trovare foto sul web della fine che ha fatto la citta’ di Sochi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.