• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità, Natura, Primo Piano

Abbattimento di orsi e lupi, Bolzano difenderà la sua legge in Corte Costituzionale

lupi, orsi, alto adige, abbattimento

Dopo l’approvazione, nel corso dell’estate, della legge provinciale trentina e bolzanina sulle misure di prevenzione e di intervento concernenti i grandi carnivori, che prevedevano anche l’abbattimento in casi speciali, a settembre il Consiglio dei ministri aveva sollevato la questione di legittimità costituzionale davanti alla Consulta. 

Ieri la Giunta provinciale di Bolzano ha deciso di resistere in giudizio di fronte alla Corte Costituzionale con l’obiettivo di difendere la legittimità della legge e le competenze autonome della Provincia di Bolzano

Altri paesi hanno sfruttato i margini di manovra previsti dalle direttive europee – spiega il presidente della Provincia autonoma di Bolzano, Arno Kompatscher – elaborando delle proprie normative che, a determinate condizioni, consentono il prelievo di lupi e orsi. L’Italia, però, non ha seguito questa linea, e per questo motivo abbiamo deciso di muoverci all’interno della cornice giuridica rappresentata dalla nostra autonomia, per applicare le direttive europee e tutelare l’agricoltura di montagna. Siamo convinti che questa sia la strada giusta da seguire, e difenderemo la legge provinciale di fronte alla Corte Costituzionale“.

Quadro di riferimento legislativo è la Direttiva Habitat e il Decreto del Presidente della Repubblica 357/97, che assegnano competenza esclusiva allo Stato in materia di fauna selvatica; secondo la tesi di Bolzano la legge sotto accusa ha l’obiettivo primario nella tutelare dell’agricoltura di montagna, materia nella quale la Provincia ha competenza primaria.

Articolo precedenteArticolo successivo

5 Comments

    1. @Giovanni, Si vada a leggere cosa c’è scritto sul sito della provincia autonoma di Bolzano sul tema competenze e il finanziamento dell’autonomia prima di sparare il solito e scontatissimo commento da bar…

  1. Invece di pensare come primitivi all’abbattimento selvaggio, che piuttosto mettessero in pratica semplici misure preventive evitando di lasciare lasciare mandrie e greggi allo stato brado: cani da guardia addestrati a seguito dei capi, recinzioni elettrificate e risarcimento del danno sono soluzioni valide già adottate con efficacia da molte altre comunità. Una soluzione si può trovare, sempre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.