• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Ambiente, Attualità, Primo Piano, Turismo

L’alto Adige nella rete internazionale di osservatori per il turismo sostenibile

Alto Adige, turismo sostenibile, ambiente© IDM/Thomas Grüner.

Ad inizio ottobre è arrivata la decisione della Giunta provinciale dell’Alto Adige di entrare a far parte dell’INSTO, l’International Network of Sustainable Tourism Observatories. Si tratta di una rete mondiale di osservatori turistici, che hanno lo scopo di guidare le attività mirate allo sviluppo del turismo sostenibile in zone naturalisticamente delicate.

Con la provincia italiana i membri del network sono diventati 22, di cui 4 europei, a formare un sistema interconnesso e organizzato che appartiene all’organizzazione mondiale del turismo in seno alle Nazioni Unite (UNWTO). L’impegno preso dai soci è quello di rilevare e tenere sotto controllo i dati del turismo, valutandone attentamente l’impatto sulla società, sull’economia e, soprattutto, sull’ambiente.

Sul piano nazionale, l’amministrazione altoatesina spera che l’adesione all’INSTO possa fare dell’intera regione un modello da seguire per tutta la penisola. Il motto del network, “Measure to better manage“, sprona i suoi membri a prendere concretamente in mano la questione sviluppo sostenibile, promuovendo una gestione razionale di tutte le risorse delle aree interessate.

L’osservatorio altoatesino raccoglierà dati preziosi per la pianificazione delle attività sul territorio, con particolare interesse ad ambiti come: mobilità, turismo invernale, innovazione, natura, paesaggio, urbanistica, infrastrutture, collaborazione fra istituzioni ed enti, agricoltura e regionalità. A dirigerne l’attività verrà istituito un comitato di controllo, che analizzerà le informazioni raccolte e stabilirà quali ambiti necessitano di un’analisi approfondita per agevolare la presa di decisioni mirate a promuovere lo sviluppo sostenibile sul territorio.

L’attività all’interno dell’INSTO durerà 3 anni e verrà finanziata dalla Provincia di Bolzano, IDM ed Eurac Research. Dopo questo periodo, la struttura diventerà probabilmente un’istituzione permanente.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.