• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità, Cronaca nera, Primo Piano, Sicurezza in montagna

Diverse vittime tra i cercatori di funghi nel weekend, i consigli per ridurre i rischi

sicurezza, montagna, funghi, cronaca nera

Nel weekend appena concluso ci sono stati diversi casi di cronaca nera legati ad un’attività apparentemente sicura: la ricerca dei funghi. Un settantenne di Marziai, Evelino Zanella, è stato ritrovato privo di vita sabato nella zona della Valle del Cort. L’uomo sarebbe caduto e scivolato per una cinquantina di metri, forse a causa di un malore.

Altri due casi molto simili hanno coinvolto nella stessa giornata e sempre in provincia di Belluno un settantunenne veneziano e un settantaquattrenne di Pedavena. Il primo cercava funghi con un gruppo di cinque persone, una delle quali ha individuato il suo corpo ormai esanime, mentre l’altro è stato avvistato, senza vita, da altri cercatori della zona.

L’attività di cercare funghi commestibili è molto diffusa nelle zone montuose e boschive del nostro paese. La pratica non è però priva di pericoli come si potrebbe pensare. Per questo motivo è buona pratica seguire delle norme di base e degli accorgimenti, che consentano di ridurre i rischi.

Prima di tutto un valido punto di partenza è conoscere la zona in cui si andrà ad operare. Avere esperienza dell’area in cui si intende effettuare quella che, a tutti gli effetti, è un’escursione, significa conoscerne i pericoli e poterli evitare. Questo è specialmente vero nel caso in cui si vada in montagna, il cui ambiente già di per sé nasconde delle insidie.

I funghi crescono poi specialmente nel sottobosco e in zone caratterizzate da forte umidità. Questo ovviamente contribuisce ad aumentare il rischio, perché significa muoversi, anche per diverse ore, attraverso aree in cui è molto facile scivolare o, in caso di malore o incidente, cadere senza controllo. È quindi bene munirsi di attrezzatura adatta, soprattutto calzature adeguate a spostarsi su fondi umidi e scivolosi.

Cercare funghi richiede poi grande attenzione e conoscenza, perché le specie velenose simili ad altre varietà invece commestibili sono numerose. Per questo motivo è necessario adottare cautela anche nel momento stesso in cui si raccolgono e magari consultare una guida prima di consumarli. Saper distinguere le varietà velenose da quelle commestibili è una necessità, perché quelle sbagliate possono causare vere e proprie intossicazioni alimentari o, nel caso delle specie più pericolose, avvelenamento.

Articolo precedenteArticolo successivo

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.