• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo, Primo Piano

Nicolas Favresse e Carlos Molina salgono due seimila inviolati in Karakorum

Nicolas Favresse, Carlos Molina, Mathieu Maynadier, alpinismo, KarakorumMaynadier, Favresse, Molina e Wertz, © Jean-Louis Wertz

Sono da poco rientrati dal Karakorum Nicolas Favresse e Carlos Molina dove, accompagnati da Mathieu Maynadier e Jean-Louis Wertz, hanno scalato due seimila inviolati nella Thagas Valley. Partiti lo scorso luglio, si sono lanciati nell’esplorazione della zona, salendo diversi cinquemila e due seimila ancora inviolati. Il primo dei due è stato il Pathan Peak, che ha richiesto ben 6 giorni in parete, dove è stata aperta una via da 900 metri. 3 giorni sono stati necessari solo per aprire i primi 300 metri, per una salita con difficoltà fino a 6b e A1. “Una giornata magica con tempo perfetto e tiri divertenti su terreno di difficoltà moderate – l’ha descritta Favresse nel resoconto della spedizione pubblicato da Planetmountain – condito ogni tanto con alcune sezioni di ghiaccio, neve e roccia. […] Una splendida guglia sommitale, una vista mozzafiato su montagne infinite e guglie di roccia, in totale assenza di vento!”.

È la sera stessa della salita della nuova via, mentre il team recuperava il materiale, che dei sassi si sono staccati dalla parete colpendo Maynadier e lasciandolo appeso alla corda incosciente e sanguinante. “Per quelle che sono sembrate ore (in realtà probabilmente solo 3 minuti) Mathieu è rimasto incosciente – riporta Favresse – Non avevo assolutamente idea se fosse vivo o morto! Grazie a Dio alla fine ha ripreso coscienza“. Per fortuna, spavento a parte, le conseguenze dell’incidente non sono state gravi, anche se hanno impedito al francese di continuare a scalare.  

Con il morale basso e il meteo non dalla loro parte, il team ha avuto occasione di provare solo un’altra salita importante. Cogliendo l’occasione e tenendo fede al loro obiettivo, gli scalatori hanno puntato al Pathani Peak, altro seimila inviolato, dove hanno aperto in sole 17 ore una via da 600 metri con difficoltà 6a, M6.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.