• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo, Primo Piano

Il video del record di velocità di Andreas Steindl sul Cervino

Tre ore, 59 minuti e 52 secondi, il nuovo record di velocità della guida svizzera Andreas Steindl sul Cervino. Il primato, che surclassa un suo tempo precedente, ha richiesto anni di allenamento e ben 88 salite, ma la scorsa settimana è arrivata la grande soddisfazione.

A coronare l’ottima prestazione giunge anche lo spettacolare video del gesto atletico, che oltre al successo dello svizzero mostra tutta maestosità della montagna:

Articolo precedenteArticolo successivo

12 Comments

  1. al minuto 0.26 si vede una statua a sinistra delle corde fisse.
    qualcuno sa dare qualche informazione in più?
    pura curiosità. grazie
    Enrico

  2. Salito il cervino in tre giorni dalla hornli, arrivato in cima tardi e bivaccato in parete, nessun bollo rosso ometti rarissimi. Mi sono perso ed ho perso un sacco di tempo Soste precarie e guide che godono di ogni privilegio. Però sono arrivato senza regalare 1600 euro ad una guida che alla fine dei conti ti ruba i soldi e basta. E poi vedo ste pagliacciate scarpe running con le guide posizionate per intertempo e per fare sicura e venite a predicare la sicurenza. Vergognatevi avete la lobby di questa montagna e la deturpate come vi pare…

      1. …scusami e’ vero scordavo una cosa molto importante, avete sempre ragione voi…cominciate a mettere i piedi per terra per favore!…

    1. fondamentalmente sei SOPRAVVISSUTO al Cervino….minchia 3 ggiorni! Per una persona adeguatamente preparata per questa montagna ci vogliono massimo 10 ore tra salire e scendere….il resto è appunto sopravvivenza….e allora forse bisognerebbe guardare ad altre montagne…
      PS: per Enrico….e’ una statua della Madonna, posta proprio all’inizio della salita, 5 minuti a piedi dalla Hornlihuette

  3. Continuo a non capire la corsa in montagna. Ma sono limitato evidentemente.
    Un’impresa sicuramente (io non potrei salire nemmeno in due giorni….) ma la libertà in montagna è anche questo credo

    Il video è solo un marchettone agli sponsor

  4. a parte il fatto che dal video e’ stato tagliato quasi tutto, si vede praticamente la piazza e la cresta finale, ma come mai il casco non viene usato??? una micro picca tascabile?? bahhh anch’io mi assoccio allo stupore generale di cui sopra, che insegnamento mi puo’ dare?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.