• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità, Storia dell'alpinismo, Top News

Auguri Nives, auguri Reinhold, auguri Ottomila

Reinhold Messner, Nives Meroi, Romano Benet, ottomila, alpinismo

Compiono gli anni oggi due grandi figure dell’alpinismo mondiale: il re degli ottomila Reinhold Messner (1944) e la bergamasca Nives Meroi (1961), che insieme al marito Romano Benet ha a sua volta scalato tutte e quattordici le vette più alte del mondo.

Su Messner tutto è stato detto: pioniere e sostenitore dello stile alpino e realizzatore di innumerevoli prime ascese storiche, sia tra le Alpi che in Himalaya. Abituato a spingere oltre i limiti dell’alpinismo, come con la prima salita dell’Everest senza ossigeno nel ’78 insieme a Peter Habeler, o con quella di due anni dopo, prima solitaria al tetto del mondo.

La quantità di cime conquistate, vie aperte e record infranti dall’icona della montagna hanno fatto di Reinhold Messner un simbolo, tanto da garantirgli nel 2010 il Piolet d’Or alla carriera, al secondo anno dall’istituzione del premio, subito dopo Walter Bonatti.

Reinhold Messner, Nives Meroi, Romano Benet, ottomila, alpinismoLa carriera himalayana di Nives comincia invece negli anni ’90. I primi tentativi agli ottomila, K2 nel ’94 ed Everest nel ’96, non hanno successo. Nel ’98 però l’alpinista, in cordata con il marito, raggiunge la vetta del Nanga Parbat, prima donna italiana a farlo. Da quel momento in poi le montagne più alte della terra sono a sua disposizione: tra il 1999 e il 2017 arrivano tutte le altre cime, tra ascese memorabili e primati femminili.

I due sposi sono entrati così l’anno scorso a loro volta a far parte del pantheon alpinisticoprima coppia in assoluto a riuscire nell’impresa, realizzata senza ossigeno o portatori d’alta quota.

Per questo facciamo gli auguri ad entrambi e anche alle “loro” montagne, perché nei giorni in cui si ricorda la nascita di simili prodigi non si può fare a meno di festeggiare anche loro, animate soprattutto dalla passione che personaggi come questi riescono a donargli.

Articolo precedenteArticolo successivo

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.