• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità, Primo Piano

Nepal, il cane alpinista che conquista i quattromila

Nepal, cane alpinista, alpinismo© Andrea Scherini / Rifugi Monte Rosa

Ospite speciale a quattro zampe la scorsa settimana ai 4.554 metri di Capanna Margherita: Nepal, il cane alpinista. Con il suo padrone, la guida alpina valtellinese Andrea Scherini, Nepal ha raggiunto in un solo giorno la vetta di cinque 4.000: Piramide Vincent, Balmenhorn, Ludwigshohe , Punta Parrot e Punta Gnifetti.

Questo esemplare di tre anni, razza lupo cecoslovacco, accompagna spesso il suo padrone in salite anche impegnative. Si tratta di cani naturalmente adatti alla montagna, tanto che spesso anche la Protezione Civile ne fa uso durante le missioni di soccorso più delicate.

Questa volta abbiamo scritto un pezzettino di storia cinofilo-alpinistica – dice Scherini con orgoglio sui social – Nepal ha salito in cordata il Breithorn Occidentale (4.165) e percorso la cresta fino al Breithorn Centrale (4.160) entrando nell’elite dei pochissimi cani ad aver conquistato un 4000!“.

L’affetto incondizionato di un cane per il suo padrone si esprime in tutta la sua forza nel successo di quest’assurda cordata perché, come prosegue la guida:  “Il compagno di cordata è qualcuno di cui ti fidi ciecamente, qualcuno cui metti in mano la tua vita e sai che ti proteggerà“.

Ora, le foto scattate di fronte a Capanna Margherita (in cui anche Nepal è attrezzato con tanto di occhialini da neve) stanno facendo il giro del web.

Articolo precedenteArticolo successivo

3 Comments

  1. Davvero non capisco cosa ci trovate di tanto strano o folle! Ho incontrato spesso gente in vetta con il proprio amico a quattro zampe (non solo cani, ma anche qualcuno col gatto e addirittura una volta una tipa con un coniglietto!!); certo, io mi riferisco a vette escursionistiche o poco di più. Ma se una guida alpina (o chiunque altro) decide di andare a farsi un giro sul Rosa con il proprio cane, a voi che fastidio dà?? Immagino che così come è abituato a portare bipedi a zonzo per le vette, possa farlo tranquillamente anche con un bel cagnolone; o non pensate che sia così?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.