• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Outdoor, Primo Piano, Running, Trail

Tor de Geants 2018: seconda vittoria per Franco Collé

Tor de Geants, trail, running, Franco Collé© ANSA

Ha preso il via domenica alle 12:00 la nona edizione del Tor de Geants, 330 km di massacrante Endurance Trail con un dislivello positivo di 24.000 metri tra le Alte Vie 1 e 2 della Valle d’Aosta, partenza e arrivo a Courmayeur. Gli iscritti a questa edizione sono stati 765, 394 dei quali italiani, ma con rappresentanze da quasi ogni parte del mondo.

A dominare la gara fin dalle prime fasi e ad aggiudicarsela è stato il campione valdostano di ultratrail Franco Collé, del Team Crazy – Hoka One One. L’atleta ha tagliato il traguardo questo pomeriggio poco dopo le 14, diventando ufficialmente il primo corridore ad aver vinto due edizioni del Tor de Geants. Il suo tempo finale è stato di 74 ore 03 minuti e 29 secondi.  

Lo scorso anno: un eccessivo dispendio di forze l’aveva fatto crollare sull’ultimo tratto e costretto al ritiro, mentre lo spagnolo Javi Dominguez gli soffiava il titolo. Quest’anno Collé ha passato gran parte della gara in testa, incrementando sempre più il suo distacco. A partire dal secondo giorno il Tor del valdostano è stata una lunga fuga solitaria. Riposo ridotto al minimo e ritmo serrato gli hanno permesso di dirigere la corsa fino alla fine, ma nella giornata di oggi la fatica si è fatta sentire.

Gli ultimi chilometri hanno infatti visto una rimonta del canadese Galen Reynolds. Il valdostano è comunque riuscito a trionfare, precedendolo al traguardo di qualche minuto. Dietro di loro, non ancora arrivato al traguardo, il rodato Peter Kienzl. In quarta posizione l’altra certezza italiana, Oliviero Bosatelli, vincitore dell’edizione 2016 e secondo classificato l’anno scorso.

Tra le donne tiene testa Silvia Ainhoa Trigueros Garrote, con un consistente vantaggio sull’inglese Jamie Aarons. Alle loro spalle due agguerritissime italiane: Scilla Tonetti e Giulia Saggin.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.