• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Ambiente, Attualità, Natura, Top News

Immondizia polacca al K2, ingenuità e furbizia

Ben lo sa Krzysztof Wielicki che quando arrivi sulla cresta terminale di una montagna qualche ventata violenta te la puoi aspettare. Troppa l’esperienza e tanta l’autorevolezza alpinistica da proteggere. E quindi la sparata, vera, del canadese Jean –Pierre Danvoye, che ha postato un video dal campo base del K2 che mostra la morena cosparsa della pattumiera dei polacchi invernalisti, pare sproporzionata e lo è.

In questi ultimi 10 anni con la mia organizzazione EvK2CNR e il supporto di un’azienda internazionale durante i mesi estivi abbiamo rimosso e smaltito dal Ghiacciaio Baltoro 80 tonnellate di immondizia solida e biologica. È un’azione totalmente volontaria, finanziata da sponsor privati e supportata da volontari pakistani e dal Central Karakorum National Park – CKNP.

Foto @ Paolo Petrignani

Un’azione che prosegue anche quest’anno con l’obbiettivo di smaltire 2500 kg di “solid waste” e 2500/3000 di “human waste”. Lo facciamo insieme agli operatori del CKNP, il parco nazionale che abbiamo l’onore di aver realizzato e gestito per 5 anni insieme alle istituzioni del Pakistan e del Gilgit Baltistan.

È del tutto credibile quanto replicato dai rappresentati della spedizione nazionale polacca in queste ore. Loro, i polacchi, prima di andarsene dal campo base, purtroppo con nel cuore la delusione della mancata vetta, avevano raccolto e insaccato fino all’ultima cartaccia e poi avevano fatto un deposito in attesa della stagione propizia per portare tutto a valle. Si fa proprio così, è la regola. Lo scrive anche la loro Agenzia Jasmin Tours, che ha però aspettato luglio per fare le pulizie.

Il comunicato della Jasmine Tours

E qui forse casca l’asino. Quando si lascia la casa che si è affittata per le vacanze e si affidano a qualcuno, pagandolo, le pulizie, è necessario che queste vengano fatte quantomeno prima che il prossimo inquilino si presenti sulla soglia.

Un’ingenuità dei polacchi che avrebbero dovuto pretendere un servizio accurato e “on time”.

La Jasmin Tour invece, nella sua infinita malafede, scrive in un suo comunicato, diffuso dai polacchi, che per la legge Pakistana (?) toccherebbe al CKNP e a una ONG italiana portare l’immondizia ad Askole. È falso e risibile che ci sia una legge di questo genere. È poi falso che le spedizioni paghino 68 USD per produrre quantità industriali di immondizia e m…a e per farsela trasportare a valle da qualcuno. Questi soldi, come accade per tutti i parchi nazionali del mondo, servono invece per la gestione del Parco, i controlli e gli interventi, anche ecologici, necessari su tutta l’area del CKNP, che è di 10.000Kmq e non dei soli campi base. Pensare che 68 USD possano consentire agli alpinisti e alle loro Agenzie di lasciare ai campi base la propria immondizia esentandoli dal trasportarla a casa loro o ai luoghi di smaltimento, come Askole, non è ingenuo, è disonesto.

Articolo precedenteArticolo successivo

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.